Meldolesi.net

Lunêri di Smémbar 2009

1st gennaio 2009

Lunêri di Smémbar 2009

inserito in Dialét rumagnòl |

Penso che il Lunêri (famoso calendario con lune e suggerimenti sulle culture ortive) sia una di quella usanze che nessun romagnolo può permettersi di non avere a casa propria anche in considerazione del fatto che ogni edicola romagnola lo vende e costa come un paio di caffè!!!

Spero che sia di buon auspicio per il nuovo anno e riporto, approfittando di qualche momento, il pensiero centrale di quest’anno … un bell’esercizio di scrittura, ma anche di lettura per voi … ditemi se conoscete proprio tutti gli attrezzi del lavoro contadino … alcuni, devo essere sincero, li ho chiesti a un amico faentino 🙂

L’assemblea di Smémbar

Cari Smembri, a v’e’ voj dì:

a so ismì cum’ un tachì

e giurnél, radio e tivù

i m’ardus cumpagna un ciù:

-T’è da stê dri a l’inflaziõ,

aumentê la Produziõ,

dêi piò spès a lavurê

par la produtivitê

parchè e’ PIL l’à da livdê

sinò u n’cress la Sucietê!

Piò bajoch t’è da ciapê

e ta n’ pênsa ‘d arsparmiê

ch’i à d’andê tot int al spés

par e’ bên de tu Paès!-

A m’ so stof’ d andê ad corsa

e ‘d sintì sĕmpar sta borsa!

Mo farmĕs un minudìn,

rasunĕn un bisinĩ!

Se e’ bël de nost campê

l’è e’ viaz ch’a sĕn dri a fê

curĕnd cume deficĕnt

a n’vdĕn un azidĕnt!

S’a pinsĕn a tĕp indrì…

cum’ e’mõnd l’à prugredì!

I piò zuvan i n’sa miga

cuèl ch’la fòs la fadiga

sora al spal di nòstar vècc

Ôli ‘d gòmit e sudor

cun agli êrum de lavor:

fêlza, fëra, crĕ, rastël,

truvilĕ, piôla e scarpël,

pré, badìl, sfartaz, cazôla,

séga, vãnga, val, cariôla,

séga, sgõ, maz e manéra,

pnêt, runchèt, pésa e stadìra.

E pu incózan e martël

cun dal sflèzan sin’ al stël!

Un furchêl par cumpãgn bõ,

e cvintél ins e’ grupõ!

Pôchi mòsi e pôch magnê

bóca srêda e lavurê

sĕza schêrp, ‘d strëz amané

e la sera … strëch ‘mazé!

Pruibì nĕca ‘d amalês

ch’u n’ gn’avleva gnint aviês,

e cavês d’in boca e’ pãn

par fê i fiul campê da s-ciã.

S’i savès che incù a strusciĕ

tãnt ‘d cla roba ch’a i avĕ

e par zõta, a i ‘ĕn e’ côr

‘d lamintês a tot agli ór,

indrì ‘d corsa i turnarèb…

… cvèli ‘d Dio, a nõ i s’ darèb!

Pr’insignês che a cuntintês

u n’ gnè gnint da vargugnês

e che “il troppo” u s’à arvinê

sĕza dês felizitê!

Mo i s’a mès int e’ zuchèt

ch’a n’ valĕn un azidĕnt

s’a n’ sĕ bõn ad guadagnê

par cumprê, cumprê, cumprê,

e s’anarivĕ ‘e’ “get zĕt”

a sĕ sèmepar sól … “purèt!”!

A s’ sĕ mès par una strê

ch’ l’è in salida, mo a rapê

u n’ s’ariva mai ‘tla vèta!

E cardim la n’è una sdèta

parchè piò che õ l’ in fa

piò e’tragvêrd i l’ spòsta in là.

E par cumplitê la cura

tot i dè i s’fa pavura

cun la criminalitê,

inzidĕt, murt amazé

e ch’ l’ ariva prëst sicura

la vindèta dla Natura,

e che nõ, par pasêi a sora

a duvĕ crèssar incora!

I Cinis, e nĕch j Indiĕ,

i s’è mès a corr’ insĕ.

E se l’Africa l’ariva,

a voj propi ch’a a m’é giva

int un Mõnd sĕmpar piò snĕ

s’a putrĕ piò stêr insĕ

e insĕn un dmãn campê

sĕza mèts’ a fê al s-ciuptê?

E l’è propi e’ nostar Mõnd

che da sĕmpar’ e’ prèla in tõnd

sĕza mai mudê ‘d carira

ch’u s’insĕgna la manira;

‘d imparêr ad stêi insò

sĕza bsõgn ad calê zò

e se vós l’avès da bõ

u s’ farèb un bël sarmõ:

Mo cs’ a cor’ta? S’t’vu campê

ogni tãnt, mètat in sdé!

E rimira ‘la matĕna

e’ sol ch’ u s’liva ‘la culĕna

e s’e’ piôv st’alè a gvardê

i caplèt ch’u s’fa int la strê.

E pu cvãnd ch’l’ariva sera

cun un sdrai, magari ins l’era

‘scolta tot ch’al rundinĕn

che ‘d sgalĕmbr’ al taia e’zil

nĕz ‘d andê ‘t e’ campanil.

Môrta la televisiõ

ch’la t’ardus cum’un cvajõ,

cun i vsĕn atàca scors

che sinò ta m’ cvĕt un ors;

sta piò tãnt cun la famèja

sĕza frèza e in aligrèja.

E s’t’vé in zir: viêl o piazèta,

tô piò spès la biciclèta

par dumê ste sparatisum

ch’ut farà gvintê sol disum!

Pu j amigh invida a dsnê

in ca tu e faj truvê

de parsòt, pãn e furmài,

dla scalõgna e un pô ‘d frizài

dai da bé dl’albãna s-cèta,

de sanzvés int una mzèta

dla panzèta ins la gardëla … –

… bõn aptit!

Gino ‘d Grapëla

Questo articolo è stato pubblicato il giovedì, gennaio 1st, 2009 alle 8:00 am ed inserito in Dialét rumagnòl. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Attualmente ci sono 6 commenti:

  1. 1 On gennaio 5th, 2009, arnaldo cuccu said:

    Carissimi amici meldolesi, Un ringraziamento a te Romeo
    giunga da parte mia per esserti disturbato ad inviarmi il più che gradito “Luneri” tradotto nella lingua italiana Lunario. E’ un calendario ove viene riportata
    mese dopo mese la descrizione in poesia dei mestieri antichi. Ricordo della mia fanciullezza ancora presente nella mia mente gli alberi producenti fichi saporitissimi che si potevano mangiare all’ora del pranzo o della cena. Non so che cosa significhi “smembri” dal momento che siamo tutti facenti parte
    di questa nostra Romagna e siamo membri della grande famiglia. Il calendario è una meraviglia. Tenterò di tradurre, per quanto mi è possibile, chiedendo scusa se, di qualche parola, non potrò farlo. A voi chiedo venia e vi ringrazio d’avermelo mostrato. Dico a te, carissimo Romeo. Ancora una volta auguri d’ogni bene a tutti.
    Che cosa significa “smèmbar”?

  2. 2 On gennaio 6th, 2009, Romeo said:

    Caro Arnaldo, direi che il gruppo facebook creato allo scopo sintetizza perfettamente la cosa e di seguito ti riporto la loro presentazione:

    “E Lunêri di smémbar” (il lunario dei poveracci) nasce nella notte di Capodanno fra il 1844 e il 1845 in un’osteria di Faenza. Si tratta di una sorta di calendario che affonda le sue radici nell’anima popolare romagnola, fatta di praticità e quotidianità.

    Per il resto siamo quà!!!

    Saluti radiosi

  3. 3 On gennaio 6th, 2009, Romeo said:

    P.s. a Meldola “poveracci” lo traduciamo con “purèz”

  4. 4 On gennaio 10th, 2009, arnaldo cuccu said:

    Carissimo Romeo,

    ti ringrazio per avermi date alcune notizie riguardanti il Lunario. La parola purèz (poveracci) si avvicina, a pensarci bene, alla parola “purezza”. Un tempo si diceva che il danaro fosse lo sterco del diavolo. I politicanti ci sguazzano dentro ad esso. Lo si può vedere da come hanno ridotto il mondo. E’ mai possibile, mi dico, che i giovani laureati dopo i grandi sacrifici compiuti si trovino disoccupati, tanto per dirne una, mentre loro (i politicanti, per l’appunto si empino il portafoglio e godano dei più grandi privilegi compresa l’immunità parlamentare? Se commettono dei crimini (quali ad esempio i vari ladrocinii (si dice così, no?) non debbano essere puniti come tutti gli altri? Mi complimento per l’ampliamento del vostro sito ch’io sento anche mio. Coraggio! Le vostre idee per migliorare la quotidianità della vita a Meldola sono veramente condivisibili con chi ha la buona volontà di mutare le cose. Solo aiutandosi l’un l’altro si potrà godere dei frutti della vostra creatività. Un saluto cordiale ed una stretta di mano per congratularmi con te e tutti quanti i nostri amici meldolesi.

  5. 5 On gennaio 10th, 2009, giuseppe said:

    a medlà us dis puret

  6. 6 On marzo 6th, 2009, arnaldo cuccu said:

    Ciao a tutti, carissimi amici ed amiche meldolesi,
    Con immenso piacere leggo sempre le vostre parole e m’accorgo che copmprendo benissimo che ogni regione sia fiera del loro modo di porgere a chi ci è vicino un bicchiere di vino e iniziare così, nella piena armonia una conversazione. Che ci si esprimi nella lingua italiana o nel dialetto inerente la città o il paese nel quale ci si trova l’importante è il poter dialogare. Mi piacerebbe che voi mi traduceste questa mia poesia in meldolese. E’ una poesia d’amore. Eccola:

    ANCHE SE LE MIE LABBRA…

    Anche se le mie labbra
    dovessero tacere
    basterà che tu legga negli
    occhi miei il bene che ti voglio.
    Io ti darei i baci che non hai avuto
    mai, le languide carezze
    e i miei sospiri. E, poi,
    stringendoti più forte al cuore,
    ti amerei come non ho mai amato
    in vita mia. Ma tu sorridi, amore.
    No, non comprendi che io per te
    farei qualunque cosa. Son petali
    di rosa le tue labbra. Ma ciò che
    il tempo non potrà annulare
    è tutto ciò che io ti voglio dare.

    Un caro saluto a tutti voi
    che avete la gioia d’abitarvi.
    Anche la Sardegna è meravigliosa.
    Ma talvolta della mia Meldola
    ho una struggente nostalgia.
    Ed ecco il perchè io componga
    ancora e sempre, semplimente,
    qualcosa che vado chiamando poesia.

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie