Meldolesi.net

Ma le sollevazioni sulla riforma della scuola sono condivisibili?

10th ottobre 2008

Ma le sollevazioni sulla riforma della scuola sono condivisibili?

inserito in La Scuola |

<!– @page { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } –>

Queste considerazioni a firma dei docenti della scuola Primaria di Meldola mi paiono particolarmente importanti. Penso che come genitori non possiamo non leggerle e meditarle e poi cercare di documentarci perché a parte qualche battuta sul grembiule, sul voto di condotta e sul maestro unico non si discute di altro nei principali media.

Ho chiesto alla segreteria della nostra Scuola, quale membro del Consiglio d’Istituto, gli aggiornamenti rispetto alle tabelle ed alle considerazioni che avevamo raccolto e pubblicato in una lettera aperta qualche tempo fa e al più presto mi andrò a raccogliere i dati.

Appena li avrò cercheremo (spero che altri si impegnino con me…) di valutare qualche altra azione e magari anche qualche riunione pubblica perché sono certo che per il nostro futuro (i figli) la scuola è l’aspetto fondamentale e non è assolutamente giusto riservare le possibilità migliore a chi ha soldi da spendere nelle scuole private. Basti guardare i “geni” di tutti i tempi da quali famiglie provenivano per capire come non possiamo assolutamente pensare di lasciare i nostri figli alla formazione “televisiva” (spero mi chiederete cosa intendo….)

Sono amareggiato e spero che almeno qualcuno di voi si voglia esprimere e cercare di approfondire il tema.

Saluti radiosi

Questo articolo è stato pubblicato il venerdì, ottobre 10th, 2008 alle 5:25 pm ed inserito in La Scuola. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Attualmente ci sono 4 commenti:

  1. 1 On ottobre 11th, 2008, giuseppe said:

    quando avrai i nuovi dati , che auspico anche peggiori ,mi piacerrebbe poterli commentare per cercare di renderli il più visbili possibile . La questine scuola e di grande attualità non solo perchè siamo difronte all’ennesimo stravolgimento riformatore ( tagli al pubblico )e conseguente difesa degli insegnanti ma anche e soprattutto per le condizioni generali in cui versano le scuole italiane . La qualità degli edefici è mediocre : pochi laboratori o mal utilizzati , stabilità e condizioni ambientali ed igeniche , energivori e poco manotenuti . Pedagocicamente parlando abbiamo gli studenti fra i peggio preparati d’europa ( anche se i meglio vestiti ).Insegnanti che volenti o nolenti non sanno far rispettare prima loro stessi e poi l’istituzione.Proliferazione di scuole private ( anche a matrice religiosa come se sapere e il divino avessero qualcosa in comune ) foraggiate dallo stato . Un genitore come me che si appresta a confrontarsi con queste condizioni non può non essere sollevato vedendo l’impegno, il tempo e le capacità che impieghi. Complimenti.

  2. 2 On ottobre 11th, 2008, giuseppe said:

    Quando riceverai i nuovi dati ( che credo anche peggiori )mi piacerebbe cercare di renderli il più visibili possibile. Insieme alla petizione sui libri di testo di Ronchi dovrebbero essere portati a conoscenza di tutti. Visto l’ interesse attuale sula scuola a livello nazionale vuoi per la Gelmini vuoi per le condizioni in cui versa (sia come edifici sia pedagocicamente )questi documenti potrebbero (dovrebbero) interessare qualche giornalista.Un genitore che come me si appresta a confrontarsi con questo mondo non può non essere conpiaciuto di vedere spesi impegno ,tempo e capacità così elevate per il foturo dei nostri figli . Complimenti.

  3. 3 On ottobre 20th, 2008, paolo said:

    Per capire cosa stanno combinando
    http://www.comune.bologna.it/iperbole/coscost/elezioni_2008/piano_programmatico_MIUR_25set08.pdf

  4. 4 On ottobre 31st, 2008, STEFANO P. said:

    Ma perche’ in ITALIA quando una cosa funziona ( scuola elementare) e’ la prima cosa che si cambia ?????????????

    STEFANO P.

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie