Meldolesi.net

Pini marittimi

29th giugno 2008

Pini marittimi

pindom.JPGDopo l’ultimo post di Romeo, anche se sono l’ultima arrivata, mi sarei rovesciata un portacenere sulla testa. Non abitando a Meldola, ma essendo una grafomane, la mia tentazione sarebbe di sproloquiare per il puro gusto di farlo, anche perche’ ho una certa tendenza alla vis polemica. Pero’, nel tempo, mi sono imposta di scrivere solo delle cose che so, per evitare di diventare strumento amplificatore della mala informazione. Detto questo, ho saputo da questo blog che gli amministratori meldolesi hanno disposto l’abbattimento dei pini del viale della repubblica. Non posso credere che sia giusto, ma non ne so abbastanza per partire con una filippica. Allora che fare? Vi riporto un articolo tratto dal sito del Comune di Roma, il primo che mi e’ capitato sul tema: “Lavori conclusi in via Ostiense, un intervento di riqualificazione straordinaria nel tratto urbano compreso tra via Lucio Lepidio e via Guida Calzia (…) A causa della presenza di radici di pino affioranti a settembre scorso il comandante del XIII Gruppo della Polizia Municipale aveva interdetto questo tratto al transito dei motocicli ed imposto un limite orario di 30 chilometri . In poco meno di cinque settimane e’ stato sostituito il manto stradale, messe in sicurezza le alberature e rifatta la segnaletica orizzontale per oltre un chilometro di strada. Sono stati potati gli oleandri, abbattuti 24 pini centenari ammalorati ed effettuato il trattamento fungicida per quelli restanti.”

Io dico che convivere con gli alberi si puo’, anzi si deve. Gli alberi ammalati si curano. Roma e’ un po’ piu’ grande di Meldola, non e’ che il suo bilancio sia messo benissimo, eppure dall’alto sembra un giardino. Mi chiedo se i Meldolesi siano tutti rassegnati alla “soluzione definitiv”. Ci sono paesi piu’ sensibili all’ambiente (vedi Inghilterra, cerca su Google Twiford Down Association) nei quali davanti a una decisione cosi’ gli energumeni con le seghe circolari avrebbero trovato la popolazione incatenata agli alberi. Io la smetto qui, qualche commento? Buona domenica

Questo articolo è stato pubblicato il domenica, giugno 29th, 2008 alle 1:58 pm ed inserito in Ambiente & Territorio Meldolese. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Attualmente ci sono 33 commenti:

  1. 1 On giugno 29th, 2008, age said:

    Sono d’accordo con te Giulia, salvaguardare é più importante che radere al suolo e ricostruire. E penso anche che la civilt e la vivibilit di un paese si possa anche misurare da quanto spazio dedica al verde.
    Mi piacerebbe che la nostra amministrazione meldolese spiegasse a noi cittadini, qual’é il percorso che ha portato alla decisione di abbattere i pini di Viale della Repubblica e le varie opzioni che sono state valutate.
    Come meldolese rimango in attesa di spiegazioni e ricordo, a chi ci governa, che siedono in Consiglio Comunale su nostro mandato!

    Angela

  2. 2 On giugno 29th, 2008, Pietro said:

    l’unica fatica è capire cosa ne pensano i meldolsi, ma dove sono ?
    Pietro

  3. 3 On giugno 29th, 2008, Giulia Ghini said:

    …come vi raccontavo qualche giorno fa, da una chiacchierata con la mia dolcissima parrucchiera ho tratto l’impressione che gli amministratori meldolesi, in qualche modo a me misterioso, sappiano comunicare. Infatti la signora tutta sorridente mi ha spiegato “che gli alberi bisogna tagliarli perchè rovinano l’asfalto che costa moltissimo” “che comunque sono ammalati” “che comunque poi ne ripiantano altri” “che comunque erano gli alberi sbagliati per quella strada”. Ora io dico tutte queste affermazioni così categoriche e così snocciolate (e così opinabili) qualcuno gliele avr pur dette. Dove? Quando? Mah…

  4. 4 On giugno 29th, 2008, Samuele Branchetti said:

    Per portare un contributo al dibattito sulla questione “abbattimento pini marittimi di Viale della Repubblica” vi segnalo, al seguente link, http://www.latuameldola.it/blog/2008/05/30/viale-della-repubblica/
    la risposta fornita dal Sindaco di Meldola ad un nostro intervento datato Ottobre 2005 che sollevava diversi dubbi in merito.

    Saluti e a presto.

    Samuele Branchetti
    Consigliere Comunale

  5. 5 On giugno 30th, 2008, Giulia Ghini said:

    Buongiorno Samuele, mi auguro che ci sia in effetti la possibilit per i cittadini di ridiscutere la cosa, anche se ci vorrebbe una controparte informata, un esperto di botanica e scienze forestali. Ho letto la risposta del 2005 alla vostra interrogazione, e devo dire che si leggono tra le righe alcune cose delle quali dubito. Alberi “ancorati solo superficialmente e a rischio caduta.” Gli alberi solitamente sanno come ancorarsi con svariate e diversificate strategie, e quando un albero ha radici superficiali non è affatto detto che non ne abbia anche di profonde. Comunque, ripeto, ci vorrebbe un esperto. “Da sostituire con piante ancora da definire” avvalora la tesi che i Pini marittimi siano “la pianta sbagliata” il che non è affatto dimostrato. Ma ancora, che ne possiamo sapere noi? “Con un’et di almeno 40 anni”. Si suggerisce che siano alberi vecchi. Per un pino 40 anni sono una bazzecola. “La soluzione di abbattere i pini risulta l’unica perseguibile.” Io non mi fido mai di un manager che dice che di soluzione ce n’è una sola. Di un amministratore pubblico, poi, che dovrebbe favorire i processi partecipati…. Grazie ancora Samuele

  6. 6 On giugno 30th, 2008, Romeo said:

    Samuele come al solito è presente e reattivo e questo fa effettivamente ben sperare. Sulla precedente discussione in argomento (http://www.meldolesi.net/2008/05/28/fitomachia/) ho letto e riletto la posizione di un altro Consigliere di opposizione ed onestamente non riesco proprio a capacitarmi di qualche dubbio estetico (che effettivamente ci stanno tutti comunque!!!)

    Io proporrei un sondaggio a chi prende la corriera nel piazzale delle corriere e la prendeva anche prima che abbattessero le piante per capire come è cambiata l’attesa sotto il gazebo dell’ATR rispetto all’attesa sotto le piante che c’erano. Sarei curioso anche di capire se chi abita in corso della Repubblica abbia contratti per forniture elettriche agevolate perché togliere le piante che ci sono significher installare una bella andata di condizionatori che notoriamente traggono energia dalle linee elettriche riuscendo così a finalizzare la costruzione di qualche bella centrale nucleare … ma almeno avremo + sole per installare pannelli solari e produrre + energia…. 🙁

    Che dire della più classica delle passeggiate estive sul viale della Repubblica (l’unico viale con alberature che permettono un pò di fresco ristoro a Meldola) … finalmente ho capito, chi è l’amministratore che abita lungo tale viale?

    Saluti radiosi
    P.s. Grazie Giulia, grazie a tutti per l’impegno!!!

  7. 7 On luglio 1st, 2008, Michael Neri said:

    L’abbattimento dei pini di viale della Repubblica è un grosso errore, ma credo che i Meldolesi non muoveranno un dito, visto il disinteresse dimostrato per altre questioni e viste le scarse reazione alla trasformazione del piazzale delle corriere….Io personalmente sono contro,direi che se Roma ha riqualificato limitando l’abbattimento lo possiamo fare anche a Meldola.
    Saluti a tutti Michael

  8. 8 On luglio 2nd, 2008, Giulia Ghini said:

    La mia domanda resta: è disinteresse o mala informazione? Perchè a me resta il dubbio che qualcuno abbia convinto il “meldolese medio” che abbattere è giusto ed è l’unica soluzione praticabile… vedi post sopra. Ma come ha fatto questo qualcuno dico io… si potrebbe fare un volantino di “comunicazione antagonista” (scusate, l’universit di bologna ha lasciato il segno) da mettere in buchetta ai residenti del viale?

  9. 9 On luglio 5th, 2008, Romeo said:

    Buona l’idea del volantino … sar da prendere in seria considerazione … provo a pensarci, chi ha voglia di collaborare nella sua stesura?

    Saluti radiosi

  10. 10 On luglio 5th, 2008, age said:

    Ditemi cosa devo scrivere ed io appronto il file e lo trasformo in pdf per dividerci il compito di stampa.
    Quando c’é stata la lettura pubblica di “Se questo é un uomo”, Elena diede i volantini che avvisavano dell’evento all’edicolante,la quale si é dimostrata disponibile a inserirne uno in ogni quotidiano venduto.
    Può essere fattibile per noi?
    Nel volantino metterei anche che il cittadino meldolese può far conoscere il proprio consenso all’abbattimento o meno dei pini su uno spazio apposito del Blog…cioè, fare tipo una raccolta firme virtuale…
    Che ne dite?

    Baci e abbracci !

    Angela

    P.S.Aggiungo il link al blog di una cittadina a 10Km da Milano in cui i bagolari, invece che trapiantati, sono stati abbattuti….e anche loro poverelli avevano 40 anni! Purtroppo, in questo caso, é vero il detto “Tutto il mondo é paese”, ma non sediamoci sul motto “Mal comune mezzo gaudio” !!!!!
    http://www.locateviva.it/index.php?option=com_content&task=view&id=539&Itemid=2

  11. 11 On luglio 5th, 2008, Giulia Ghini said:

    Io mi propongo di collaborare alla stesura… Giacchè mi hanno pagato per anni per fare la reddatrice di testi pubblicitari, qualcosa dovrei riuscire a mettere insieme… Ovviamente da rivedere e correggere a cura di tutti…. insomma ci provo.

  12. 12 On luglio 5th, 2008, Giulia Ghini said:

    Ragazzi ri-ciao, Internet a casa dei miei è un disastro. Cade continuamente la connessione e non vi dico a me cosa mi sono caduti dopo due ore di questa sbobba. Perchè per provare a scrivere il volantino ho bisogno di ricercare, di tornare alle cose che ci siamo gi scritti, di seguire i link… Lo farò a Bologna perchè qui tra un po’ spacco qualcosa. Nel frattempo però, oltre che smoccolare sulla connessione, ho riflettuto sul volantino e vorrei condividere con voi la riflessione.

    1. Per prima cosa bisognerebbe provare a capire se l’abbattimento degli alberi è gi stato pianificato, cioè QUANTO TEMPO ABBIAMO. Secondo me questo è urgentissimo. Qualcuna delle persone che hanno scritto su questo post o su “fitomachia” (ad esempio Samuele) avrebbe modo di indagare?

    2. Poi bisognerebbe pensare all’obiettivo: Un’assemblea cittadina? Un’interpellanza in Consiglio? Una tavolo di consultazione popolare? Cosa? Un consiglio da chi ne sa… Il volantino è utile se si chiude invitando a passare all’azione… Ma concretamente a quale azione? Perchè sennò rischiamo di darci pacche sulle spalle poi un giorno ti alzi, come diceva oggi Pietro, e fuori ci sono i taglialegna.

    Comunque sto divagando…. Se qualcuno fa un fischio su questi due punti, io nelle prossime sere provo a buttare giù qualcosa….

    ciao
    GG

  13. 13 On luglio 5th, 2008, age said:

    Giulia, visto che é il tuo lavoro, nessuno di noi sa farlo meglio di te!
    Possiamo arrivare lontano se ognuno di noi mette a disposizione le proprie competenze!
    Scusa se non ho assaggiato la tua piadina stamattina, ma sono a dieta…e si vede che ne ho bisogno!
    Sono sicura che era ottima….come tutte i cibi preparati con passione!

    Angela

  14. 14 On luglio 5th, 2008, Giulia Ghini said:

    (moh secondo me non era un granchè… per fortuna che era condita col formaggino e la compagnia…. ah e la birra…)

  15. 15 On luglio 5th, 2008, age said:

    Samuele siede in Consiglio Comunale, penso che possa riuscire a sapere quali sono le scadenze.
    A mio parere bisogna riuscire a capire come la pensa “il meldolese medio” sull’abbattimento dei pini.
    Con tutto il rispetto per la parrucchiera di Giulia, é solamente una piccola porzione della popolazione.
    Come facciamo a reperire il meldolese-pensiero?
    Ripropongo la raccolta di firme…se ne abbiamo il tempo…i BAGOLARI incombono!

    Angela

  16. 16 On luglio 5th, 2008, Giulia Ghini said:

    e ci hai ragione…. adesso mi metto all’opera e preparo un prima bozza…. controlla la posta che ti scrivo in privato. A prestissimo, GG

  17. 17 On luglio 6th, 2008, Giulia Ghini said:

    Stamattina ho fatto colazione da Ultimo e incontrato il mio vecchio amico GR, veterinario, residente in viale della Repubblica che mi ha detto che, quando ha saputo della storia dei pini ha telefonato in Comune e gli ha detto che se ci provano si incatena agli alberi. Mi dice anche che se c’è da firmare qualcosa firma e fa firmare. Raccomanda lettere su carta consegnate in Comune alla maniera “antica”….

  18. 18 On luglio 6th, 2008, andrea said:

    Per me l’idea di scrivere un volantino e infilarlo tra il quotidiano è buona.
    Proporrei una stesura semplice e a caratteri grandi, in modo che catturi subito lo sguardo.
    Se ne potrebbero lasciare in giro anche il martedì mattina, durante il mercato.
    Altri si potrebbero lasciare in qualche bar.
    Soprattutto in quelli del viale della repubblica.
    Sul volantino poi indicherei quanti sono gli alberi a rischio;
    qualcuno lo sa?
    Sennò li vado a contare io.
    Salut
    P.S. la piada era buona!!!!

  19. 19 On luglio 7th, 2008, Giulia Ghini said:

    Io mi son venduta 150 pini perchè l’ho letto in fitomachia….

  20. 20 On luglio 7th, 2008, Pietro said:

    bene cari, e pur si muove, se qualcuno si incarica di stamparmi un volantino che ho la stampante che fa le bizze, poi vedo di fare un pò di fotocopie e distribuire a chi conosco.
    Ps: non vi scordate del fiume che è dall’acqua che parte tutto
    abbracci
    Pietro

  21. 21 On luglio 7th, 2008, Samuele Branchetti said:

    Ciao a tutti,
    per quanto riguarda i tempi di abbattimento e sistemazione, faccio notare che in base al “progetto centro storico” dell’attuale Giunta Municipale il primo stralcio di lavori per un importo pari a 200 mila euro dovrebbero essere realizzato entro il 2008.
    In realtà, la maggiore parte degli interventi strutturali, relativi ai lavori pubblici e alla riqualificazione e sistemazione dei beni comunali, sono stati sistematicamente programmati e poi rinviati (pavimentazione P.zza F.Orsini e via Cavour, Ex-Ospedale del Crocifisso, Ex-Macello, locali attigui all’Arena Hesperia, Palazzo del Podestà, Rocca di Meldola, ecc. ecc.).

    Per quanto riguarda i lavori di sistemazione di Viale della Repubblica, se ne parla dal 2005 e gi allora si pensava che dovessero partire a breve. Purtroppo, durante gli ultimi quattro anni di legislatura, difficilmente è stato possibile utilizzare la parola “programmazione” e “scadenza” con cognizione di causa.
    Quello che posso dire è che, al momento, non mi risulta siano state adottate Delibere di Giunta che danno inizio ai lavori. D’altra parte però, l’adozione della delibera potrebbe avvenire in qualsiasi momento e anche a nostra insaputa. Più volte abbiamo chiesto un confronto preventivo sulle scelte della Giunta, ma fino ad ora non c’è stata la possibilità. L’aspetto che più mi rammarica nella scelta di abbattere i pini di Viale della Repubblica, sta proprio in questo, nella mancanza di confronto e di discussione. Manca la volont di coinvolgere e rendere partecipe i cittadini nelle scelte dell’Amministrazione Comunale.

    Sarebbe veramente molto interessante capire cosa ne pensano i cittadini di Meldola relativamente all’abbattimento.

    Samuele

  22. 22 On luglio 8th, 2008, Pietro said:

    e allora Samuele facciamo un bel sondaggio tra gli abitanti di via della Repubblica in primis
    forza

  23. 23 On luglio 10th, 2008, Samuele Branchetti said:

    Personalmente sono disponibile a dare una mano

    Samuele

  24. 24 On luglio 10th, 2008, Giulia Ghini said:

    Ciao Samuele,
    intanto che aspetto istruzioni operative dai ragazzi che stanno a meldola, tu che sei consigliere, non è che mi daresti una lezione (magari privata, usando l’email ghinigiulia@gmail.com, così non annoiamo gli altri con cose che sanno già) sulla faccenda, cioè una specie di Bignami…. ad esempio: si tratta di un atto dirigenziale o di una delibera di giunta o di una delibera consiliare? è nota la ditta appaltatrice e l’importo dell’appalto? è stata fatta una gara d’appalto? Il segretario comunale ha dato la conformit giuridico amministrativa alla gara e al contratto? L’impegno di spesa è sul bilancio di che anno? E se il lavoro non è stato eseguito viene re-iscritto sul bilancio seguente così senza ulteriori complicazioni o ci vuole un atto formale? Perchè io sono fissata con l’idea che bisogna chiarire gli obiettivi intermedi e finali e vorrei capire quali sono… Secondo me quelli intermedi sono
    1. far capire ai meldolesi che sono stati non informati o male informati
    2. che le alternative ci sono e quali sono
    quelli finali:
    1. depennare la delibera
    2. assumere formalmente una decisione ecosostenibile

    Far casino VA BENISSIMO ma poi se ci ascoltano bisogna saper cosa dire…. Mi scrivi? Grazie ciao

  25. 25 On luglio 12th, 2008, Samuele Branchetti said:

    Ciao Giulia,
    ok provo a rispondere alle tue domande via e-mail entro il week end.
    Per quanto riguarda le tue considerazioni “sul metodo” hai ragione. Su alcune questioni può essere anche necessario e utile protestare, ma innanzitutto, per agire in modo corretto, è indispensabile capire come stanno le cose, capire cosa ne pensano i cittadini, fissare degli obiettivi e agire di conseguenza. Sapendo comunque che incidere su alcune decisioni purtroppo, per come vanno le cose, è spesso molto difficile. Comunque coraggio. Ci sentiamo via mail. Ciao

    Samuele

  26. 26 On luglio 12th, 2008, Giulia Ghini said:

    Grazie Samuele, oh: senza stress. Se hai voglia nel week end, sennò con calma…

  27. 27 On agosto 31st, 2008, age said:

    Gli articoli di Giulia e Marco sono tornati in prima fila nel nostro blog…vorrà dire qualcosa ?
    Semplice, le vacanze sono finite ed é ora di guardarsi attorno e di pensare a quell’ ambiente che viviamo per la maggior parte dell’anno, cioè Meldola !
    L’altro giorno passavo in auto lungo il Viale della Republica ed ho cercato d’immaginarmelo senza alberi…. sarà che la mia infanzia e la mia giovinezza hanno avuto un legame forte con la natura, ma non voglio neanche pensare alla mia Meldola così nuda, spoglia e senza quelle radici…!

    Angela

    P.S. Sotto gli alberi più grandi si trova il riparo migliore. (Proverbio cinese)

  28. 28 On agosto 31st, 2008, andrea said:

    Oggi ho percorso in bici il Viale della Repubblica per vedere quante di queste pericolosissime radici sono affioranti…. beh, mi sembrano ben poca cosa, basterebbe un minimo di manutenzione.
    Il problema è che molti “sudditi” meldolesi (una è mia mamma) sono stati convinti che l’unica soluzione è abbattere i pini, perchè altrimenti la gente inciampa, cade e si fa male, poi magari fa causa al Comune. E molti di cittadini non si sono mai degnati di aprire gli occhi (e il cervello) per ragionare sui benefici che arrivano dagli alberi che hanno una certà età, magari la loro.
    E se rottamassimo tutti i cittadini anziani?????
    Si può???????
    Salut

  29. 29 On agosto 31st, 2008, Romeo said:

    Anche io l’ho percorso un pò in lungo e in largo, sul marciapiede si un lato e dell’altro. E’ letteralmente una vergogna pensare di additare le radici come responsabili di ogni cosa, per diversi tratti ci sono delle riprese di asfalto sul marciapiede fatte in modo VERGOGNOSO ma quelle non danno problemi….

    Nel consegnare il nostro volantino mi sono reso conto che diversi non hanno soluzioni diverse dall’abbattimento delle piante solo perchè nessuno gliene ha mai parlato.

    Quest’estate mi sono fatto i viali di Cesenatico che portano a Zadina, tutti i viali di Milano marittima dove avrete ben presente quanti pini ci siano (se non sono li!!!); la pineta da lido di Classe fino a Lido di Dante per rendermi ben conto di cosa ci sia in gioco.
    Siccome mi sono fermato a Milano marittima a prendere una fetta di cocomero ed ho provato a chiedere alla commerciante cosa direbbe se gli proponessero di abbattere i Pini perchè le radici sono pericolose, quella mi ha guardato e mi ha chiesto se veramente c’era qualcuno che lo pensava veramente che avrebbe provveduto lei stessa a “dargli il suo avere” (casualmente il suo esercizio fruiva dell’ombra della pianta e senza aver avuto bisogno di dirglielo aveva ben capito che senza i pini sarebbe stata tutta energia elettrica in + per rinfrescarlo e clienti in meno perchè area troppo soleggiata e calda).
    In tutta la pista ciclabile che ho fatto le cose + pericolose erano, per me povero cicloturista, le villeggianti che agghindate in modo succinto distraevano l’attenzione dal controllare la strada che ogni tanto qualche piccola imperfezione l’aveva (dettata comunque molto anche da ripristini di scavi) …. non parliamo poi della pineta di Fosso Ghiaia dove invece il mio timore era forare la bici (chi si azzarda a piegarsi per riparare la foratura lì 🙂 (naturalmente sto’ scherzando!!!).

    Onestamente non concordo per niente con Michael sul fatto che i Meldolesi non muoveranno un dito … se capiranno che questa paventata “maggior sicurezza” senza i pini influirà abbondantemente sui loro bilanci per la necessità di mettere su condizionatori forse …. inizieranno a ragionarci sopra e magari rivolgersi alle Amministrazioni di Cesenatico, Cervia e Ravenna per capire come fanno loro a ridurre i rischi e quanto investano nella manutenzione sia del verde che delle strade.

    Saluti radiosi

  30. 30 On agosto 31st, 2008, Giulia Ghini said:

    Come dicevo qualche commento fa, il modo è come minimo sospetto. A quanto dice Samuele l’intervento specifico non è inserito nel piano di gestione, non c’è delibera (non sono certa che sia necessaria) né determinazione dirigenziale (che è un atto pubblico quindi se ci fosse Samuele dovrebbe conoscerlo), insomma ci sono solo 400 mila euro (che han la coda lunga) destinati genericamente in bilancio a interventi di manutenzione(se fossi un taglialegna mi farebbero gola). Quindi non c’è niente di deciso però ci si è premurati di indottrinare i cittadini in modi che mi sfuggono (il tam tam è così, non lascia tracce dietro di sé) sul fatto che un Pino marittimo distruggerà Meldola! Perché questa propaganda negativa e preventiva? Se tiriamo a indovinare ci prendiamo una querela per diffamazione quindi shhhh….

  31. 31 On settembre 1st, 2008, Samuele Branchetti said:

    So che è partito il sondaggio. Ho visto il testo del questionario. Mi sembra fatto molto bene.
    Siamo molto interessati a conoscere i risultati. Fateci sapere!

    Samuele Branchetti
    lista civica “La Tua Meldola”

  32. 32 On settembre 3rd, 2008, Giovanni Pasini said:

    Dove si consegna il questionario, te lo posso mandare via email scannato Romeo ?
    o vuoi l’ originale 😛 .

    Cerco di farlo fare anche a qualche parente, non dovrebbe essere difficile,
    dall’ inizio della legislatura gli e ne abbiamo fatti fare parecchi.

    Il loro senso civico e’ stato tenuto in allenamento 🙂

  33. 33 On settembre 3rd, 2008, Romeo said:

    Sicuramente i risultati dei questionari saranno pubblici.
    Grazie Giovanni, infila pure nella mia buchetta della posta, non ti sto a far perdere tempo a scannerizzare vista la nostra vicinanza 🙂

    Saluti radiosi

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie