Meldolesi.net

Giornata Mondiale del donatore di Sangue

7th maggio 2008

Giornata Mondiale del donatore di Sangue

Il 14 Giugno e’ la giornata Mondiale del Donatore di Sangue; penso che donare sangue sia, prima di tutto, un dono d’amore al nostro prossimo, non ci porti via niente perche’ l’amore e’ l’unica cosa che, donata, aumenta in chi la dona ed anche in chi la riceve.

Diversi amici che so che leggono il blog sono gia’donatori proprio a Meldola; altri, con cui ho parlato, semplicemente non riescono a trovare il tempo di poterlo diventare oppure hanno paura dell’ago.

Purtroppo chi ha un incidente e necessita’di trasfusioni di sangue o chi necessita di un trapianto non si puo’ permettere il lusso di “non avere tempo” o avere paura dell’ago quindi: pensa se conosci nessuno che abbia mai avuto bisogno di una trasfusione; se lo conosci allora prova a parlargli oppure semplicemente affidati al medico di famiglia o al medico che mediamente ogni 15 gg viene a Meldola proprio per incontrare nuovi aspiranti donatori o donatori effettivi che hanno bisogno di un consulto.

Le giornate Mondiali un po’ mi spaventano perche’ inducono a pensare che, proprio per la vastita’del “mondo” c’e’ qualcun altro che ci pensa quando in realta’il mondo e’ costituito da ognuno di noi. Pensare che a Meldola ci siano circa 350 donatori su quasi diecimila abitanti mi lascia un po perplesso!!!

Logo AVISForza e coraggio, senza timori provate a passare dalla sede dell’AVIS (via Matteotti, 36) e, eventualmente vogliate vedere con i nostri occhi che non e’ un vampiro che succhia il sangue 🙂 si puo’ anche andare ad assistere alla donazione uno qualsiasi di questi giorni ed anche li si potra’parlare con un medico, con le infermiere (sempre cordialissime e che cercano di metterti a tuo agio in ogni modo), con il mitico Presidente dell’AVIS di Meldola (Franco Bernardi … l’autista del trenino della festa Tranwai-Buratella) o con uno qualsiasi dei Consiglieri o volontari presenti.

Il Sangue nelle vene lo abbiamo tutti, per fortuna, e ognuno di noi e’ parte del mondo…. cerchiamo di non essere egoisti o menefreghisti o rimandare sempre la decisione di metterci in gioco!!!

Saluti radiosi

Questo articolo è stato pubblicato il mercoledì, maggio 7th, 2008 alle 9:53 pm ed inserito in Associazionismo, Eventi culturali. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Attualmente ci sono 4 commenti:

  1. 1 On maggio 8th, 2008, Alice y Ivan said:

    Dimentichi di dire che donare il sangue fa bene anche al donatore, perchè si stimola la produzione di nuove piastrine, globuli rossi e globuli bianchi. Soprattutto farebbe bene agli uomini, perchè le donne hanno la fortuna di fare un po’ di ricambio ogni mese. 😛
    Comunque consiglio vivamente a chiunque di andare magari anche solo a vedere e fare due chiacchiere, perchè i volontari sono tutti molto gentili, disponibili e simpatici.

    Alice

    PS: per la paura dell’ago… Mia sorella dice che non vuole avere figli perchè in gravidanza ogni mese ti fanno fare un esame del sangue… -_-

  2. 2 On maggio 8th, 2008, matteob said:

    a costo di sembrare pazzo dico la mia.
    il sangue è un organo energetico importantissimo. per la medicina ayurvedica è la linfa vitale essenziale per la buona salute. e toglierselo magari fa bene (?), ma per chi è anemico o in carenza di energie meglio tenerselo. sullo stimolare la produzione dal midollo nessuna medicina antica o moderna dice che faccia bene…è una leggenda…

    poi ogni organo fisico di un corpo conserva anche l’aspetto emotivo del corpo in cui vive.
    ho scritto tempo fa nel mio blog un articolo in proposito. se volete:http://parvatim.wordpress.com/2008/04/22/gli-organi-hanno-una-memoria-emergetico-emozionale/

  3. 3 On maggio 8th, 2008, matteob said:

    ecco il link buono:
    http://parvatim.wordpress.com/2008/04/22/gli-organi-hanno-una-memoria-emergetico-emozionale/

  4. 4 On maggio 8th, 2008, Romeo said:

    Ciao Matteo,
    Certamente che chi ha problemi come quelli che tu accenni (anemia o altre carenze energetiche) non dona sangue. Almeno per l’anemia si è parecchio attenti così come tanti altri parametri delle analisi che vengono così monitorate annualmente.

    Io forse sarò più pazzo di te perché effettivamente ritengo che il dono deve venire proprio dal cuore e solo in questo modo possiamo dare un sague veramente all’altezza del difficile compito che lo aspetterà (ridare una vita normale a chi lo riceverà).
    Molto bello l’articolo che hai suggerito e che hai fatto e penso che sia anche effettivamente un’analisi giusta la tua; ritengo che quel cuore forse non era stato donato “con il cuore” ed è proprio per questo che io mi sono iscirtto all’AIDO e rassicuro quì che se mai mi dovesse capitare qualcosa che decreti la mia fine su questa terra donerei i miei organi con tutto l’amore che posso per chi li riceverà e spero che proprio questo sentimento possa accompagnare il ricevente per tutto il resto della sua vita.

    A onor del vero va anche detto che tanti sono i farmaci anti-rigetto che chi subisce un trapianto deve assumere proprio per far “digerire” il o gli organi trapiantati quindi evidentemente anche il nostro stesso organismo non è troppo “tarato” a ricevere organi da altri ma ad usare i propri. Penso però che la speranza di una vita migliore debba accompagnare i tanti bisognosi di trapianto ed attualmente in attesa di un donatore.

    Concordo con Alice, oltre al bene fisico penso che il miglior bene siano le relazioni che nascono in un ambiente quale appunto quello dell’AVIS dove mi pregio di essere anche Consigliere 🙂

    Saluti radiosi

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie