Meldolesi.net

E giù di inceneritori!!!

3rd aprile 2008

E giù di inceneritori!!!

inserito in Incenerimento, Riflessioni |

Evviva, ho appreso dal Resto del Carlino di ieri che la nostra vallata sara’vocata ad una bella serie di inceneritori.

Chi brucia Pollina (S.Sofia che incrementera’di soli un camion il traffico giornaliero sulla vallata); chi (Civitella), come probabilmente faremo anche noi meldolesi, pensa agli sfalci di legna …. insomma … bruciare.

Stasera ero ad una funzione parrocchiale con tanti bambini che ad un certo punto sono andati tutti fuori per bruciare dei bastoni secchi che rappresentavano dei peccati e delle brutture che avevano dentro, il parroco ha anche detto che questo fuoco era nullo rispetto alle fiamme dell’inferno.

Chissa se riusciremo a trasformare presto in inferno anche il nostro ambiente … e pensare che mi stavo interessando alle case in legno che un collega si sta or ora costruendo, ma ci ripenso in fretta, non vorrei che finito il resto venissero a smontarla per bruciarla 🙁

Effettivamente pero’ una societa’che brucia ha tante cose brutte da far sparire dai propri occhi …. e da far entrare nei propri organismi; forse e’ il caso che ci diamo da fare per una Societa’migliore che invece di bruciare brutture, arda d’amore!!!

Saluti radiosi

Questo articolo è stato pubblicato il giovedì, aprile 3rd, 2008 alle 11:26 pm ed inserito in Incenerimento, Riflessioni. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Attualmente ci sono 9 commenti:

  1. 1 On aprile 5th, 2008, matteob said:

    oddio, le fiamme dell’inferno

    ancora si fa perno sulla paura con questi argomenti?
    ancora si cerca di insozzare l’animo nobile dei bimbi con queste fobie? con questi ricatti?

    forse è per questo che mi sento molto più vicino alle religioni orientali, veri sistemi di pensiero pacifisti…

    per il resto le uniche cose da bruciare sono due: il cervello dei politici e quello degli abitanti della romagna che si occupano di tutto tranne che dell’ambiente che daremo ai nostri figli.

    come vedi , romeo, ma gi lo sai, sono per una vera rivoluzione…che lo tsunami sarebbe una picola mareggiata al confronto…per quanto tempo dovremo portarci il fardello di stolti ignavi che si credono uomini e invece sono scimmioni?

  2. 2 On aprile 6th, 2008, romboli.gilberto said:

    Caro Romeo,
    ma che peccati e brutture possono avere dentro i nostri bambini?
    Che brutture e peccati avranno commesso mai i tuoi figli?
    Ma che vigliaccata insopportabile contro dei bambini che non possono difendersi.

    Per quanto riguarda i “termovalorizzatori” ricordatene quando andrai a votare, il PD ha nel suo programma la costruzione di tanti inceneritori.
    è l’unica cosa chiara che c’è nel loro programma.

  3. 3 On aprile 6th, 2008, Romeo said:

    Innanzitutto bentornato Gilberto,

    poi andiamo pure tranquilli, i peccati dei bambini sono una cosa veramente piccola in confronto a quelli di alcuni adulti; proprio oggi con la riconciliazione di Leonardo ho avuto modo di parlare con lui perchè si scrivesse i peccati in modo poi da non fare scena muta davanti al confessore.

    Sono dell’idea che sia bene che ne parlino a qualcuno perchè gi il fatto di rifletterci sopra li aiuta ad individuare magari alcuni errori che commettono magari senza pensarci. La confessione di qualsiasi marachella o peccato è sempre stata per me una grande liberazione e non so perchè ma quando la facevo ad uno relativamente sconosciuto come il parroco allora aveva ancora maggior valenza. A dire la verit mi è sembrato di vedere Leonardo con uno sguardo diverso quando è tornato dalla prima confessione della sua vita ad un estraneo… ma potrei sbagliarmi anche se anche lui mi ha detto di essersi trovato a suo agio.

    Forse brutture è stato un pò troppo forte ma sono certo che esistano bambini che hanno brutture dentro proprio perchè uno tsunami non ha avuto modo di prendersi cura degli adulti che gliele hanno impresse.

    I bambini si difendono eccome se alla fine riescono ad esprimere queste brutture in disegni o nei rapporti con gli altri bambini, siamo noi adulti che poi gli diamo dei psicofarmaci per risparmiare la fatica di indagare; spero proprio che Meldola non ne abbia mai di questi casi ma … qualcuno mi insegna a non dire “mai”.

    Per i termovalorizzatori me ne ricorderò certamente al momento del voto che, sono sicuro, non sar mai ed in nessun caso “disperso” come qualcuno vorrebbe farci credere.

    Penso che quì non c’è religione che tiene, quì occorre prima di tutto far funzionare il cervello e tenerlo avviato sempre, soprattutto quando si ascolta un qualsiasi canale televisivo o radiofonico.

    Gilberto, ci manchi … spero che prima o poi tornerai tra di noi 🙂

    Saluti radiosi

  4. 4 On aprile 7th, 2008, matteob said:

    sul concetto di peccato secondo i canoni di santa ( santa?, boh) romana chiesa potremmo aprire un dibattito infinito. se per peccato inteso come sbaglio si intende dire bugie, comportarsi in modo maleducato, ipocrita, egoista, siamo d’accordo.
    ma se mi dicono che peccato ( cioè sbaglio) sia “toccarsi” allora non sono d’accordo. come non sono d’accordo sulle altre mirabolanti e sconsiderate costrizioni del credo del vaticano, e anche qui potremo aprire un dibattito infinito.

    ma, lo sai, sono un vero giacobino, e di mio non amo molto le costrizioni e le leggi di chi vuole impormi comportamenti( vedi aborto, etc, etc..),

    per gli inceneritori, spremiamo le meningi,magari cercando di unire tutte le forze contrarie della vallata, perchè ci sar da sudare, per noi contrari. muoviamoci con ogni mezzo…

  5. 5 On aprile 7th, 2008, Pietro said:

    Credo che fare una richiesta dei progetti che stanno costruendo sulle nostre teste sia il minimo, sarebbe opportuno farlo come vallata se possibile.
    Gli allevamenti avicoli avrebbero bisogno di 25000 ettari per smaltire la quantit di pollina prodotta, è per questo che la devono bruciare, perchè i terreni sono strapieni e l’Arpa minaccia di far chiudere gli allevamenti romagnoli.
    Personalmente ritengo che i polli prodotti siano di scarsa qualità, che producano lavoro di bassamanovalanza che, a parte le amministrazioni, provochi degli esodi di persone a svolgere un lavoro che gli italiani non vogliono più fare cambiando drasticamente l’impalcatura civile e culturale dei paesi in cui sono presenti gli allevamenti. Da tutto questo chiaramente ne risultano delle montagne di cacca che non sappiamo più dove mettere.
    La soluzione sta negli allevamenti di piccole dimensioni, ritornando a quello che ha fatto ricca la Romagna, la microimpresa dislocata sul territorio.
    Pietro

  6. 6 On aprile 7th, 2008, matteob said:

    microimpresa? perfetto, ma meglio ancora il pollo contadino. e meglio ancora limitare l’uso della carne. ma chi mangia polli allevati con antibiotici e zozzerie varie che stanno in 10 in 2 metri quadri che spera di fare? di mangiare roba buona? di nutrire il suo corpo?

    e poi dicono che le malattie aumentano…chiss perche! mangiano merda e respirano merda e poi vanno dal dottore che gli d pillole di merda e che vengono fuori? persone di m…

    un ciao al mio veterinario numero uno ( pietro)

  7. 7 On aprile 7th, 2008, Pietro said:

    Beh, l’uomo che ha permesso la glassatura fecale delle colline romagnole e delle sue acque comunque si presenta sull’aia promovendo il pollo contadino.
    Pensa che in Germania fanno vedere le vere filiere produttive di pollo in gabbia sulle reti televisive per far capire cosa succede veramente e per rendere consapevoli le persone di quello che comprano e mangiano, a noi qui ce le propongono sull’aia con i bambini che ridono e la cosa bella è che si può fare.
    Incredibile ma vero.

  8. 8 On aprile 8th, 2008, matteob said:

    ancora più incredibile: la gente mangia quei polli. un tizio mi disse tempo fa che erano più sicuri quelli rispetto a quelli del contadino. più sicuri, più sani e migliori da mangiare.
    al peggio non c’è mai fine

  9. 9 On aprile 20th, 2008, Romeo said:

    Dedicato a Veronesi … ed alla sua grande apertura salutare agli inceneritori:
    http://www.vecchiazzano.it/articolo.asp?pagina=583&sezione=Info%20a%20Vecchiazzano

    Saluti radiosi

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie