Meldolesi.net

Il partito democratico di Meldola

15th marzo 2008

Il partito democratico di Meldola

inserito in Politica di parte |

Un membro del nuovo Partito Democratico di Meldola (Maurizio Tedaldi) che e’ anche addetto stampa del partito mi ha gentilmente trasmesso questa presentazione del nuovo partito. Li stesso aveva la possibilita’di pubblicarla ed io non ho fatto altro che un copia incolla. Come piu’ volte detto penso che visto che questo blog e’ dei meldolesi, tutti quanti, politici e non, possano scrivere e/o commentare articoli e mi auguro che anche gli altri schieramenti locali vogliano farlo … se mai vorranno farlo siamo tutti qua’in alto c’e’ sempre il linkl per contattarci!!!.

Un complimento al PD di Meldola per il fatto di aver finalmente scelto il blog come forma di relazione, mi auguro che sia relazione e non solo comunicazione come, peraltro, in fondo alla presentazione viene auspicato.

Colonne

(da Wikipedia) “Volendo tentare una definizione potremmo dire che la politica e’ quell’attivita’umana, che si esplica in una collettivita’, il cui fine ultimo – e’ incidere sulla distribuzione delle risorse materiali e immateriali, perseguendo l’interesse di un soggetto, sia esso un individuo o un gruppo.”

I valori di riferimento dell’azione politica vanno ben definiti.

Ricordate tutti “liberte’, egalite’, fraternite’” lo slogan della rivoluzione francese .. (anche della Francia attuale)
Vale la pena di guardarsi indietro.
Questa lezione non e’ ancora stata colta – la liberta’senza vincoli e senza solidarieta’somiglia da vicino alla politica dei Borboni, al governo di quelli che magari dovrebbero essere i “migliori”, i “predestinati”.

Alla fin fine i pochi che hanno i mezzi e i diritti precostituiti.

La sinistra per qualche tempo ha perso equilibrio nella direzione di una uguaglianza che diventava un freno per i capaci.

trascrivo dal “Manifesto dei valori del PD”

“Noi vogliamo una societa’aperta che consideri le persone in base alle loro qualita’, rimuovendo gli ostacoli economici e sociali, e premiando il merito e non i privilegi. Vogliamo che a ciascuno sia garantita la liberta’di realizzarsi secondo i suoi talenti e le sue inclinazioni, senza distinzioni di genere o di provenienza sociale, di opinioni politiche o religiose. L’estensione dei diritti di cittadinanza e’ parte costitutiva di una concezione moderna della crescita, oltre i soli parametri economici. Cittadinanza e inclusione sono la leva di un nuovo civismo e di nuove opportunita’per i singoli, nelle scelte formative e professionali, come nella dimensione sociale e affettiva.”

L’equilibrio va trovato.

Occorre lavorare perche’ le potenzialita’di tutti vengano dispiegate.

Il modo in cui si fa politica va ben definito, etica e rigore vanno riportati al centro della vita democratica.

Il malcostume ha segnato la fine della prima repubblica.

Il conflitto di interessi sta segnando la seconda (o presunta tale).

Carriere politiche trentennali basate su posizioni di potere locale hanno segnato entrambe.

Il PD ha fissato un proprio “Codice Etico”.

A Meldola si e’ costituito il PD alle elezioni del 25, 26 e 27 Gennaio,

La costruzione di un partito nuovo, in grado di fare politica in modo diverso, secondo logiche diverse, capace di mettere al centro del processo politico e decisionale il cittadino e le sue necessita’e’ cominciata.

L’ Assemblea comunale e’ di oltre ottanta persone, per meta’donne.
Nella “segreteri” sono in 24, 15 di queste sono donne.

I segretari di circolo eletti sono:
a Meldola: PAOLA ZUCCHI e-mail zucchi.pao chiocciolina libero.it
a S.Colombano – Rico’: MASSIMO CASTELLUCCI

il Segretario comunale e’ WALTER ZANZANI e-mail walter.zanzani chiocciolina tin.it

La sede comunale e’ in via Roma 40 L’ufficio, per ora, e’ aperto dalle 10,00 alle 12,00 il Martedi’, il Sabato e la Domenica.

E’ stato attivato un sito internet, www.pdmeldola.it che non vuole essere luogo di propaganda ma di scambio di informazioni, riflessioni, e certamente della documentazione delle proposte del PD tra le quali il “Manifesto dei valori del PD” ed il “Codice Etico”.

Contatti e commenti sono benvenuti.

 

Saluti radiosi

Questo articolo è stato pubblicato il sabato, marzo 15th, 2008 alle 2:58 pm ed inserito in Politica di parte. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Attualmente ci sono 6 commenti:

  1. 1 On marzo 15th, 2008, Maurizio Tedaldi said:

    magari cerca di impaginare un pò meglio la cosa ..
    grazie

  2. 2 On marzo 15th, 2008, Romeo said:

    Fatto … spero possa andare meglio adesso veniamo al confronto.
    Mio principale problema e fonte di dubbi sulle elezioni prossime venture è che al dila delle tante belle parole che si sentono in periodo elettorale, dei “codici etici” adottati resta il fatto che i candidati sono scelti dalle segreterie di partito.

    Tutto per me si ferma quì e, al di la di chi ha messo in essere questa legge elettorale che oserei definire ben oltre l’aggettivo che il suo stesso promotore le ha dato e che non riporto per decenza nei confronti di chi leggerà,queste elezioni non potranno che dar fuori delle rappresentanti che NON possono rappresentare il popolo se non quello che frequenta le segreterie di partito.

    So che la realt del PD è nuova e vedo anche nelle foto nel vostro blog persone nuove, le vedremo alla prova per capire se sapranno realmente portare un aventata nuova oppure se l’esistente le “plasmerà” per garantire il mantenimento del pregresso.

    Complimenti per la quantit di donne che ci sono, spero avranno i loro giusti spazi perchè onestamente penso solo che le donne possano cambiare realmente lo stato di cose che noi ometti abbiamo considerevolmente contribuito a creare.

    Spero che avr lo spazio giusto anche Paola Zucchi che in Consiglio Comunale ho avuto modo di apprezzare le pochissime volte che si è espressa … largo ai giovani che sono gli unici titolati ad esprimersi sul loro futuro, futuro che i “vecchi” vedono in modo purtroppo deformato (sempre per me…)

    In bocca al lupo!!! saluti radiosi

    P.s.: Maurizio, cerca di installare il pugin “Submit a comment” per permettere chi scrive sul vostro blog di rimanere aggiornato dei commenti successivi al suo, lo ritengo una buona cosa …

  3. 3 On marzo 16th, 2008, Samuele Branchetti said:

    Il volere costruire un partito in grado di fare politica in modo diverso, secondo logiche diverse, capace di mettere al centro del processo politico e decisionale il cittadino e le sue necessit lo ritengo un aspetto cruciale, che sostengo da molto tempo.
    Proprio per questo diversi mesi fa ho aderito al processo di costituzione del partito democratico. Perché bisogna cambiare metodo, rendere il cittadino realmente partecipe alle decisioni pubbliche.
    E questo può essere fatto anche utilizzando gli strumenti informatici, oltre a procedure più tradizionali (consultazioni popolari, referendum, questionari, ecc.ecc.). Sono quindi veramente molto lieto che il Partito Democratico a Meldola abbia realizzato un blog, attraverso il quale potere scambiare informazioni ma anche riflessioni ed aggiungerei ricevere proposte e suggerimenti. Un blog può anche diventare un importante luogo di elaborazione di idee e progetti. Un luogo attraverso il quale rendere la politica trasparente e partecipata.
    Per quanto riguarda la scelta dei candidati alle prossime elezioni politiche Romeo ha perfettamente ragione. La scelta è sostanzialmente ricaduta sulle segreterie dei partiti. Questo non può essere il “metodo nuovo”. La “nuova stagione” deve puntare più in alto. D’altra parte i tempi erano stretti e non hanno giocato a favore.. Credo comunque che avremo modo a breve, fin dalle prossime elezioni amministrative, di vedere se effettivamente vi è la volont di introdurre un nuovo metodo, partecipato e coinvolgente.

    Samuele Branchetti

  4. 4 On marzo 17th, 2008, Stefano Bandini said:

    Romeo, ti chiedo di soddisfare una mia curiosità.

    Quale metro di giudizio, quale criterio, quale pratica esoterica adotti per giudicare il Partito Democratico meldolese “una realt nuova”?

    Stessa richiesta vale per “persone nuove” e ” quantit di donne”.

    Una o più foto, una cena o una bella cena, un nome pittosto che.., sono criteri sufficenti, in politica, per esprimere giudizi lusinghieri e positivi?

    E che dire della ormai, quella si, vecchia frase “largo ai giovani”
    Forse, e parlo delle elezioni nazionali, le idee e le politiche di un Colaninno sono superiori a quelle di un De Mita?
    La Brambilla risulta più brillante rispetto all’ottantenne Lino Jannuzzi?
    Poi chiaramente ci sono le eccezzioni: Daniela, Daniela Santanchè, batte tutti*. Ma questa è un’altra storia.

    Certo di un tuo riscontro.

    Stefano Bandini

    * Pannella, Ferrara e Berlusconi sono esclusi da qualsiasi critica comparativa.
    I Miti non si misurarano con strumenti di dubbia qualit di cui disponiamo noi mortali.

  5. 5 On marzo 18th, 2008, Paola Zucchi said:

    Caro Stefano,
    mi permetto di intervenire sul punto dal momento che sono parte integrante del Partito Democratico. Non so con quale criterio verremo giudicati ma so che, per quanto riguarda il nostro territorio e Meldola in particolare un cambiamento c’è stato. C’è un nutrito gruppo di persone che fino ad oggi non si era impeganto in prima persona, giovani e meno giovani, donne e uomini. C’è un entusiasmo tra noi che è percepibile e visibile. Certo non sar merito del PD di Meldola se cambieranno le logiche che hanno dominato la politica fino ad oggi… ma senz’altro avremo dato il nostro contributo.
    I momenti conviviali che tu citi sono, per noi, la riscoperta della condivisione e del dibattito. Penso sia questa la novità.

  6. 6 On marzo 18th, 2008, Romeo said:

    Visto che mi fai una domanda proverò a risponderti caro Stefano:

    Devo ammettere che l’idea di aprire un blog e tenerlo curato e “vivo” mi è piaciuta, è un modo di stare a contatto con chi utilizza il computer e magari si vergogna o non ha tempo di partecipare alla vita politica; questo strumento ci permette di leggere tutto oppure solo gli articoli che ci interessano e quando lo vogliamo.
    Infine non meno importante è il fatto che si possa lasciare un riscontro con anche un semplice commento a cui poi, magari … qualcuno risponde. Io non credo troppo in quei siti “Nazionali” o comunque di facciata perchè poi alla fine i commenti quando sono troppi allora nessuno (o quasi) si degna di rispondere. Per la verit io ho fatto un unico commento al blog del PD e non ho avuto risposta ma capisco benissimo che all’inizio il sistema vada “rodaggiato”.
    è una realt nuova perché anagraficamente nata da poco; sulle persone che lo compongono non mi esprimo + di tanto perchè non ne conosco troppe e nemmeno conosco l’elenco delle persone che lo hanno fatto partire ma dalle foto conviviali onestamente ho visto persone che non sapevo nell’arena politica (e di quì la mia osservazione sulle persone nuove), oltre ad altre che invece la cavalcano da anni. Magari alcune non saranno effettivamente simpatizzanti e si trovavano a passare di li ma … sono comunque volti di compaesani.

    Io sulla scena Nazionale non scendo, sai che non ci capisco nulla, fatico a capire ora la composizione del Consiglio Comunale e come viene nominato nonostante stia nei seggi da tempo immemore….
    Il mio largo ai giovani è una semplice considerazione: uno che ha di fronte a dire molto 10/20 anni da vivere in serenit ha dei problemi di una certa natura e il suo impegno sar volto in una certa direzione mentre uno che ne ha davanti 40 o 50 ha tutt’altra visione (anche io non vedo più il mondo come lo vedevo 20 anni fa…). Daccordo che c’è qualcuno che si crede immortale ma, onestamente, a parte qualche santone nell’Imalaya non so di altri in queste condizioni (consentimi una battuta per sdrammatizzare:-)))
    Non puoi credere quanto cerchi di imparare dai miei figli e quanto gli stessi mi insegnino nel modo di affrontare la vita in modo da renderla meritevole di essere vissuta (e quì immagino gi le risate generali ma, ti assicuro, è proprio così!!!). Ad esempio mi hanno insegnato la coerenza chiedendomi, a due anni di età, perchè volevo che loro usassero il casco in bici ed io invece non lo usavo … da quel punto in poi è stato difficile vedermi senza casco in bici (forse l’unico adulto a Meldola… :-).
    Ecco da dove nasce l’affermazione “largo ai giovani”!!!
    Onestamente so di Comuni che hanno fatto fare ai ragazzi delle elementari/medie dei Consigli Comunali paralleli a quelli “Ufficiali” e mi è stato riferito che alla fine hanno avuto un certo influsso positivo … svecchiamoci!!!

    Sulla quantit di donne (ultima citazione ma prima per importanza) penso che una donna non manderebbe mai il proprio figlio a fare la guerra; la donna ha l’istinto materno che, per quanto mi sforzi, è e resta una sua prerogativa assoluta e vedo nella mia famiglia che questo istinto raramente sbaglia ed è proiettato particolamente alla sopravvivenza ed all’evoluzione della specie. La donna è portata ad affidarsi all’emozione/sentimento al pari della razionalit (o in misura comunque considerevole) e penso che se un’eccesiva razionalit ci ha portato al punto in cui siamo oggi …. è ora di cambiare registro anche li.

    Infine ogni partito si giudica per quello che fa, staremo a vedere e valuteremo. Mi piace pensare però che una buona dose d’ottimismo possa aiutare sempre e proprio con lo stesso ottimismo mi piacerebbe accogliere anche notizie dal nuovo Partito delle Libert (anche quello nuovo, hai visto :-), ho visto che anche li ci sono donne e giovani nei banchetti domenica scorsa … magari parlacene se vuoi, alla pari con tutti gli altri ci sar tranquillamente spazio su questo blog.

    Saluti radiosi

    P.s.: io gli unici miti che conosco sono questi :-)))

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie