Meldolesi.net

Resoconto Consiglio Comunale del 27/11/07 – 2^ parte

4th dicembre 2007

Resoconto Consiglio Comunale del 27/11/07 – 2^ parte

La continuazione del precedente resoconto parziale.

Punto 3 MODIFICA PROGRAMMA TRIENNALE OPERE PUBBLICHE ED ELENCO
ANNUALE 2007 AI SENSI DELL’ART. 128 D.LGS 12 APRILE 2006 N. 163 E S.M.I.
RECANTE “CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI
E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2004/17CE E 2004/18/CE”
e 4 VARIAZIONI DI BILANCIO – ASSESTAMENTO GENERALE ANNO 2007 vengono discussi insieme:

Illustra alcune variazioni di Bilancio del 2007 per poter procedere con la delibera di variazione. Sugli investimenti spiega che da 300,000 euro passano a 470.000 i fondi necessari per la realizzazione di due parcheggi; a bilancio sono stati integrati i maggiori introiti per l’ICI rurale, comunque compensata con minori stanziamenti statali. Illustra diversi altri cambiamenti ma … non gli sono stato dietro.

Branchetti: riconosce all’Amministrazione che il piano e’ piu’ leggibile e si complimenta. Sul contenuto del piano non e’ troppo favorevole perche’ i buoni propositi inizialment previsti sono stati in buona parte non realizzati; si potra’ a breve, visto che siamo alla fine dell’anno, individuare effettivamente cosa si sia riusciti a realizzare e su quello essere piu’ precisi.

Rileva minori entrate circa le alienazioni dei beni Comunali di circa 400,000 euro; osserva che sono diminuite di 488.000 euro gli oneri delle concessioni edilizie. Questo evidenzia dal suo punto di vista un “fermo” nello sviluppo del Comune di Meldola e a fronte di 1.000.000 di euro previsti ad inizio anno proprio per questi oneri di concessioni edilizie si passa a meta’ circa. Sottolinea come siano stati eliminati tanti fondi (eliminazione delle barriere architettoniche per dirne solo una). Dei 3.675.000 euro che si affermavano di spendere un anno fa non sono stati spesi tanti soldi (quelli previsti ad esempio per: rocca di meldola, edilizia convenzionata, cimiteri, parco delle fonti, ecc.). Come sempre osserva ripuntualizza che riterrebbe utile contenere i bilanci per concentrare maggiormente gli sforzi su poche opere ma che siano di certa realizzazione. Sprona la discussione spiegando che sarebbe bene smettere di fare “amministrazione ordinari” ed iniziare a fare qualcosa di pratico che dia una svolta agli impegni dell’Amministrazione.

Bandini: ritiene apprezzabile l’intervento di Branchetti ma, secondo lui, manca l’evidenziazione di diversi spunti rispetto alle novita’ presenti sul piano presentato. Rileva un finanziamento per il ponte dell’IRST per permettere la creazione del parcheggio al di la del fiume raggiungibile dalla strada che porta a Fratta dal Ponte dei Veneziani, ritiene che tale intervento si poteva anche anticipare nel tempo per non creare i problemi poi verificatisi sulla viabilita’ delle strade che attualmente portano all’IRST (e magari risparmiare di abbattere la villa Montanari per creare area di parcheggio). Evidenzia ritardi anche all’ISSD per la realizzazione dei locali atti a contenere la Direzione della stessa. Anche per le scuole materne continuano stanziamenti che “tamponano” il trend in crescita della popolazione scolastica ed evidenziano un problema di prospettiva per gli anni a venire. I costi di questi interventi “tampone” ricadono continuamente sulla cittadinanza senza una pre-visione lungimirante. Riporta alla ribalta il problema che il “parco delle Fonti” in progetto verra’ tagliato a meta’ da una strada di grande circolazione e questo non ha proprio un senso compiuto per un “parco”; ribadisce che si doveva cercare di fare il parco fluviale con una bella pista ciclabile che poi attraversa anche tutto il paese evidenziando cosi’ il percorso del fiume.

Sugli abbattimenti delle barriere architettoniche, torna il discorso della farmacia comunale e dei suoi gradini per accedervi, problema che ormai si posticipa in continuazione; sui parcheggi evidenzia e si fa portavoce della possibilita’ di costruire parcheggi sotterranei a S.Michele. SUll’Asilo Nido spiega che lo stesso ha gia’ una posizione non idonea e non ha praticamente piu’ parcheggio a disposizione, suggerisce che si potrebbe spostarlo per dedicare il giardinetto pubblico li davanti a parcheggio risparmiando l’abbattimento dell’ex macello. In gerale evidenzia come alcune scelte dell’Amministrazione sono condivisibili ma diverse sono, purtroppo, in ritardo.

Tesei (Vice-sindaco): visto che gli argomenti sono gia’ stati diverse volte trattati ribadisce che si sta proseguendo sul programma di inizio legislatura, non e’ vero che non sia stato fatto niente e negli ultimi tre anni sono stati spesi oltre tre milioni di euro su diversi fronti (scuole, giardini pubblici, parcheggi, strade, musei, ecc.) e questo soprattutto senza aumentare le tasse ai cittadini. Il piano presentato in teatro qualche mese fa arriva al 2010 e lui stesso precisa che l’Amministrazione continuera’ ad andare avanti e al bilancio consuntivo finale verranno portati i dati certi ed incontrovertibili.

Ass.re Rossi Pieraugusto: Evidenzia gli interventi di propaganda dei consiglieri di opposizione senza proposte concrete. Il piano 2008 e’ gia’ in bozza e, ad esempio, il parco delle fonti si realizzera’ nel 2008; i 100.000 euro dell’ex macello sono stati spostati per i problemi noti. Evidenzia come Meldola, fino ad ora, non abbia avuto problemi con l’incremento degli alunni per le scuole di tutti gli ordini; ne e’ la prova che negli ultimi 4 anni sono state date tutte le risposte richieste e nessun bambino e’ stato tenuto fuori (come invece succede in altri Comuni).

Il progetto centro storico e’ in corso di realizzazione, se anche non viene condiviso dall’opposizione e’ certo comunque che il piano c’e’; mancano le proposte dall’opposizione sul piano dei servizi (parcheggi, verde pubblico, ecc.), proposte che sarebbero state sicuramente valutate dagli amministratori. Rassicura che l’attuale parcheggio dell’IRST, dove sorgeva la villa Montanari, non verra’ diversamente utilizzato finche’ non sara’ realizzato il parcheggio ed il ponte verso Fratta quindi non ci sono ritardi in quanto, fin dall’inizio, la tempistica ed i programmi erano proprio questi. Sull’ex ospedale l’Amministrazione ha gia’ fatto il piano e, volenti o nolenti i membri dell’opposizione, intende portarlo avanti.

Bandini: Chi ha il compito di amministrare e’ la maggioranza e critica la frase di Rossi circa il fatto che l’opposizione non fa proposte (rispiega quella del parco fluviale e di tutte le altre che il suo gruppo ha portato nei precedenti Consigli Comunali); spiega quindi che le proposte ci sono e sono numerose ma per portarle avanti e fare un progetto occorrono risorse che l’Amministrazione dovrebbe mettergli a disposizione se proprio volessero valutarle appieno. Rammenta le loro proposte per la scuola Materna (che era quella di accentrarle a Villa Montanari) ma non ha mai avuto risposte se non la demolizione dell’immobile, cosi’ come sulla proposta di abbassamento dell’ICI per gli oltre settantenni, sul concorso di idee per l’ex macello, sulla polisportiva a Meldola.

Evidenzia l’anno di ritardo per i lavori del campo sportivo, evidenzia che la nuovissima pavimentazione su via Roma alla prima rottura ha evidenziato immediatamente i problemi della stessa e continua ad avere problemi di sdrucciolevolita’ soprattutto in bicicletta. Ritorna ancora sul parco delle fonti attraversato da una strada.

Ghetti: Torna sulla pavimentazione e sul fatto che sotto ci sono rimasti sottoservizi obsoleti; loro chiedevano di non togliere i sanpietrini precedenti; chiedevano di intervenire e rinnovare gli impianti vecchi (Gas, Acqua, fognature, ecc.) e lo stesso Rossi, a suo tempo, aveva tranquillizzato su questo ma il recente intervento su guasto alla condotta dell’acqua proprio di fronte alla strada che porta al Mangianotte evidenzia proprio che i lavori di rinnovo promessi non sono stati fatti. Raccomanda pertanto di prestare attenzione sulla piazza e su via Cavour affinche’ non si ripetano gli errori fatti su via Roma. Evidenzia come il suo gruppo pur essendo di opposizione collabora su cose buone che l’Amministrazione propone; nel loro ruolo di verifica e controllo e chiede un po’ di rispetto, partecipazione ed ascolto per le loro proposte.

Branchetti: Evidenzia che effettivamente i discorsi sono sempre quelli e questo e’ drammatico e auspica un metodo diverso per affrontare i problemi; evidenzia come politica non significa fare promesse e non mantenerle (cita i lavori al Palazzetto dello sport che entro la prima settimana di novembre dovevano essere finiti mentre … nemmeno sono iniziati). Il problema principale della politica di oggi e’ proprio che non si rispettano le cose che si dicono. Il piano di investimenti che si paventa ad ogni inizio anno e che puntualmente non si realizza se non in minima parte genera “l’anti-politic”. Idee e proposte ne sono state fatte, sono condivise anche tante idee della maggioranza, purtroppo pero’ queste idee non vengono poi realizzate concretamente. Occorre essere certi fi da principio dei finanziamenti per le opere e poi realizzare quelle promesse. A fronte dell’interpellanza circa le richieste danni a fronte del rifacimento della pavimentazione di via Roma ricorda di aver ricevuto la risposta dall’Amministrazione con quantificazione in circa 4 le richieste di danno (alcune anche con fratture ossee).

Pantoli: si scusa con tutti per il tono della sua voce dettato dal forte mal di denti, spiega che il bilancio del Comune e’ basato su bilanci di spesa previsti per i vari lavori presenti nel programma elettorale e questo programma e’ in buona parte realizzato ed in corsa per essere completato. I 100.000 euro per il parco delle fonti sono slittati al 2008 quindi anche il lavoro, sul centro storico si continuera’ a dare sviluppo armonico al gia’ avviato programma; non si puo’ certo dire che mancano le capacita’ di mandare avanti le cose visto l’ampio respiro del programma dell’Amministrazione. Rileva con amarezza che mentre da una parte si valorizza cio’ che la coalizione fa, da un’altra si smonta ogni singola conquista; chiede quale altro Comune abbia investito tanto sullo sport, la viabilita’ urbana ed extra-urbana (solo quest’anno 900.000 euro). Invita le opposizioni a verificare che gli impegni presi siano o meno portati avanti.

Sindaco Venturi: Per rispetto di tutti spiega che le scelte urbanistiche sono state coraggiosamente portate avanti e, se si e’ ottenuto che 13 comuni ci abbiano aspettato per le varianti urbanistiche di Meldola la lungimiranza politica sicuramente l’hanno intesa, loro; Il ponte per l’IRST e’ stato pianificato per quando ce n’e’ effettivamente bisogno; le scelte urbanistiche affrontate permettono di avere sempre le carte a posto e la disponibilita’ di terreni per chi vuol investire su Meldola. La scelta di adibire il terreno su cui c’era Villa Montanari a parcheggio e’ stata fatta per la capienza di parcheggi proprio per non dare problemi di viabilita’. Sia con l’IRST che con l’ISSD si marcia in accordo ed insieme si stabiliscono le politiche e le sedi per loro uffici e per i servizi occorrenti. Il parco delle fonti: umilmente e costantemente l’Amministrazione cerca la correlazione con la condivisione delle idee. Il progetto portera’ oltre 230.000 euro di contributi e la realizzazione di un parco e di un’area fruibile per concerti ed altre iniziative culturali e tranquillizza che di li’ non ci saranno strade in transito. Ripuntualizza che nessun altro comune ha speso tanto nella viabilita’ per collegarsi ai limitrofi paesi e citta’. Nel Palazzo del Podesta’ hanno gia’ collaborazioni con le Associazioni Giovanili e andranno avanti con l’idea di realizzare un centro di aggregazione. Sull’ex Macello non ci sono errori e l’Amministrazione e’ in attesa dei chiarimenti alla richiesta di un privato cittadino. Su via Roma ci sono alcune segnalazioni per infortuni e per le quali sono stati dati scarichi cautelativi all’Assicurazione. Per i sotto-servizi su via Roma la situazione e’ buona e una rottura in oltre un anno ci sta, i sotto-servizi li sono sicuramente stati valutati e giudicati idonei. Per il Palazzetto dello sport spiega che l’azienda aggiudicataria dei lavori non ha sottoscritto l’appalto nei tempi previsti (alla sottoscrizione mancavano dei documenti obbligatori) allora inevitabilmente i tempi slittano. Per le case popolari l’amministrazione non e’ giunta ad un accordo con un privato in area cimitero per cui ci sono in corso altri approcci in comune di S.Colombano; per la Scuola Materna sottolinea che il polo per l’infanzia continua ad andare avanti e spera per il 28/12/027 di poter portare buone notizie circa l’unificazione all’Istituto S. Giuseppe.

Bandini: evidenzia la bravura del Sindaco nel convincere con le sue parole rassicuranti e torna sull’ex macello evidenziando che il macello e’ stato accatastato nel 1930, il Sindaco spiega che e’ stato costruito nel 1915 circa poi e’ stato bombardato ma per le caratteristiche costruttive rilevate al suo interno la ricostruzione e’ dei primi anni cinquanta. Se la Sovrintendenza non convincera’ con le sue motivazioni, in caso cambi la sua posizione iniziale e vieti la demolizione, il Comune fara’ sicuramente ricorso. Bandini comunque lamenta che mai in nessun caso e’ stata fatta un po’ di autocritica ed e’ stato preso un progetto dell’opposizione come fattibile.

Il sindaco smentisce questo e si passa ai voti ch, per entrambi i punti portano a 10 favorevoli e 4 contrari (opposizione al completo)

 

Ritirano il punto 5 (SDEMANIALIZZAZIONE DI TRATTO DI SEDE STRADALE IN VIA E. FERMI) ed il 6 REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO (RUE) AI SENSI ARTT. 29 E 33 L. REG. 20/2000 E S.M.I. – ADOZIONE

 

Per il punto 7 OPERE DI URBANIZZAZIONE. “REALIZZAZIONE PARCHEGGIO SITO TRA VIA CAVOUR E VIA GIORDANO BRUNO VICINO ALLA SCUOLA ELEMENTARE”
APPROVAZIONE PROGETTO
.
ed il punto 8 OPERE DI URBANIZZAZIONE. “REALIZZAZIONE PARCHEGGIO VIA MAZZINI”. APPROVAZIONE PROGETTO.

Bandini chiede il ritiro perche’ non e’ stato visto alcun progetto (stamattina non era ancora disponibile (sembra che solo verso le 08:00 il progetto eradisponibile) . Il regolamento comunale prevede che ci sia il materiale disponibile almeno due giorni prima e siccome qui i Consiglieri lavorano tutti faticano a venire ad ogni ora per ritirare la documentazione e si chiede il rispetto del regolamento che rilegge a tutti che fissa 2 giorni di preavviso. I punti vengono portati pertanto al Consiglio del 13 dicembre.

Il punto 9 (LEGGE N. 296/2006 (FINANZIARIA 2007) – ADEGUAMENTO STATUTO SOCIALE – APPROVAZIONE EVENTUALI MODIFICHE ALLA CONVENZIONE DEL 4.05.2006 FRA GLI ENTI LOCALI SOCI EX ART. 30 T.U.E.L. – MODIFICA STATUTO ROMAGNA ACQUE) manca del materiale quindi viene ritirato.

Il punto 10: NUOVA IDENTIFICAZIONE PORZIONE DI TERRENO UTILIZZATA AD USO PUBBLICO – OGGETTO DI ACCORPAMENTO AL DEMANIO STRADALE AI SENSI DELL’ART. 31 COMMA 21 DELLA LEGGE 23/12/1998 N. 448

e’ una richiesta con la quale si devono sistemare alcuni passaggi catastali (non ci ho capito niente …)

Messo ai voti si hanno 10 favorevoli e tre astenuti (assente alla votazione Bandini)

 

Punto 11: INTEGRAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI MEDI VENALI IN COMUNE COMMERCIO DELLE AREE FABBRICABILI SITE NEL COMUNE DI MELDOLA

Tesei: Gia’ visto e discusso in commissione quindi, visto che non ci sono problemi di sorta, Messo ai voti si ha l’unanimita’.

 

Punto 12: O.D.G. PRESENTATO DAL CAPOGRUPPO DI “RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA” SU “SOLIDARIETa’A DILIBERTO PER DICHIARAZIONE SUL RITIRO DALL’AFGHANISTAN”

Per l’assenza del consigliere che doveva presentarlo e’ stato ritirato.

Alle 23:30 circa si concludono i lavori del Consiglio.

Saluti radiosi

Questo articolo è stato pubblicato il martedì, dicembre 4th, 2007 alle 11:30 pm ed inserito in Consigli Comunali Meldolesi. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie