Meldolesi.net

Resoconto Comitato Mensa del 19/10/2007

1st novembre 2007

Resoconto Comitato Mensa del 19/10/2007

inserito in Comitato Mensa |

Presenti:
Per le Istituzioni:
Ghetti Corrado (Presidente ISSD) – Conti Antonella (Assessore alla Scuola del Comune di Bertinoro) – Milillo Maria Alfonsa (Dirigente e Responsabile del servizio) – Orietta (Dietologa) – Caroli Renato (Cuoco) –
Maestre:
Verdiana Gordini – Guarisco Bianca Rosa
Genitori:
Campana Antonella – Tartaglione Antonio – Stradaioli Roberta ” ____ Katia – Partisani Patrizia -Fornasari _____ -Venezia Pietro – Zagnoli Milena – Raggi Elena – Riciputi Arianna – Romeo Giunchi (forse manca qualcuno … aiutatemi a ricordare)

Innanzitutto si ipotizza qualche problema di comunicazione della riunione che vede diverse assenze rispetto alle previste; si risolvera’ il problema per la prossima occasione.
Milillo spiega il progetto del pasto bio ed eco-compatibile e lo stato di avanzamento dei lavori rivolgendosi in particolar modo ai nuovi membri del comitato mensa; rivolgendosi, in particolar modo, ai membri Comune di Bertinoro spiega che il progetto condiviso con l’Amministrazione Pubblica Bertinorese prevede una delocalizzazione anche a Bertinoro della preparazione dei pasti (in pratica i pasti consumati a Bertinoro sono cucinati in tale sede e raggiungono poi i vari plessi sparsi nel territorio).
Il Presidente dell’Istituzione ai Servizi Sociali Davide Drudi (ISSD), Corrado Ghetti, auspica un coinvolgimento di tutti i genitori in modo da arricchire i contenuti e la partecipazione attiva del precedente Comitato Mensa, cercando di fare ulteriori passi in avanti rispetto a quanto fatto fino ad ora e presenta l’Assessore alle Scuole del Comune di Bertinoro (Conti Antonella) invitandola ad un intervento.

L’assessore Conti saluta e ringrazia tutti i presenti; spiega che orograficamente Bertinoro e’ abbastanza sfrangiato ed ha frazioni importanti che sono piuttosto autonome; ha, al contrario di Meldola, plessi scolastici sparsi nel territorio:

  • materna ed elementare a Fratta Terme;
  • Nido, Materna, Elementari e Medie a Bertinoro;
  • Nido (privato), Materna, Elementari e Medie a S.Maria Nuova.

Conferma comunque il rispetto del progetto dell’ISSD che prevede nella fattispecie un miglioramento del servizio rispetto a prima, miglioramento incentrato particolarmente sui tempi intercorrenti tra la preparazione ed il consumo dei pasti. Spiega che per i plessi scolastici di S.Maria Nuova, purtroppo, non si sono potuti riaprire i locali cucina perche’ mancano pochissimi metri quadrati di superficie per arrivare al nulla osta della competente AUSL. Comunque afferma che il prossimo anno scolastico si riuscira’ a sopperire con i lavori di adeguamento gia’ previsti e che tengono conto, appunto, di questi ampliamenti dei locali Cucina; e cosi’ anche S. Maria Nuova riuscira’ a servire direttamente i pasti in tutti e tre gli ordini di scuola ivi presenti.

Ghetti spiega l’esperienza di Meldola in cui, non disponendo di luoghi adatti a consumare i pasti presso le Scuole Medie, i ragazzi che usufruiscono del servizio vengono accompagnati in pulmino presso i locali dell’ISSD e mangiano nella sala da pranzo Comune agli anziani che, seppur sempre pochi, attendono ed accolgono con entusiasmo l’arrivo dei ragazzi godendosi il sano baccano che poi gli stessi puntualmente fanno e riuscendo a sfruttare le occasioni di socializzazione.

Un genitore di Bertinoro spiega di essere andato a pranzo ed aver mangiato bene; chiede pero’ che tipo di frutta e verdura mangiano i bambini. Dice di aver mangiato, quel giorno in cui e’ andata a pranzo, il kiwi cileno e questo non l’ha troppo entusiasmata visto che, lavorando nel settore, queste frutte sono abbondantemente trattate per il trasporto.

Milillo spiega che in attesa di poter avere attivo il nuovo appalto (aggiudicato proprio in questi giorni ad un produttore locale gia’ precedente fornitore) ha dovuto usufruire dei fornitori abituali di cui all’appalto europeo a suo tempo fatto; comunque sia Lei che il Presidente confermano che non ci sono problemi a sospendere la fornitura di Kiwi e frutti non di stagione fino a che, magari, non saranno disponibili quelli nostrani; questo proprio nell’esigenza di rispettare la stagionalita’ e la giusta educazione alimentare dei bambini. Comunque a brevissimo partira’ questo appalto che ha durata biennale con il fornitore locale ed a maggior ragione ci sara’ sicuramente perentoriamente frutta e verdura locale. Milillo stessa sovrintende l’ordine della verdura locale scegliendo quelle verdure che costano meno e che sono della giusta stagionalita’. Gli alimenti sono comunque controllati e analizzati anche saltuariamente presso laboratori.

Viene spiegato a piu’ riprese, sia da Milillo che da genitori meldolesi presenti, che per poter avere verdura e la frutta locale sono stati impegnati 2 anni di duro lavoro, sono state fatte scelte piuttosto coraggiose ed anche impegnative sia a livello politico che amministrativo ed ora grazie ad un protocollo d’intenti della Provincia si e’ potuti addivenire ad un appalto stabile (due anni) e sicuramente inattaccabile.

Viene poi chiesto qualcosa sulla provenienza del pesce e il tipo dello stesso nonche’ su che tipo di carne venga servita; Milillo spiega che tendenzialmente il pesce e’ halibut ed effettivamente la provenienza non e’ troppo nostrana e non sempre fissa perche’ il fornitore (quello della gara europea) si rifornisce da chi, pur rispondendo a tutte le caratteristiche del capitolato di gara, applica il prezzo migliore ed attualmente il pesce proviene dal Vietnam. A seguito comunque di alcuni pareri circa il sapore del pesce, e’ stata effettuata una analisi del pesce e la carica batterica ha confermato che il pesce era in regola, comunque alla prossima riunione ci portera’ le analisi, anche il timore iniziale di possibili trattamenti con ammoniaca e’ stato escluso con le analisi stesse specificatamente rivolte a questa ricerca.

Venezia Pietro (nostro veterinario omeopatico e prezioso collaboratore nonche’ membro del Comitato Mensa) spiega che per la carne si occupera’ di fare ricerche approfondite andando a studiare sia i costi che le possibili coperture per un cosi’ forte “consumatore”ť come puo’ essere appunto questa mensa che ora rappresenta diversi Comuni Romagnoli. Comunque i passi sono impegnativi perche’ dovra’ far entrare le ditte di allevatori, che sono in grado di rientrare in questi parametri, dentro alla dichiarazione d’interessi provinciale ed avviare una nuova forma di gara interna per poter cercare di arrivare anche all’approvvigionamento della carne; resta il fatto, confermato da Milillo, che la carne attuale e’ comunque a marchio IGP.
Sempre Venezia spiega che pero’ e’ utile dividersi i compiti e cosi’ come lui si occupera’ di indagare la carne serve anche chi si occupi di fare qualche indagine sul pesce ed a questo l’Assessore Conti e la madre Riceputi Arianna si sono offerte volontarie in modo da referenziare ad un prossimo incontro.
Viene chiesto perche’ non si e’ partiti prima con la gara d’appalto per frutta e verdura e il Presidente Ghetti spiega che l’estensione del servizio della mensa (IRST, Bertinoro per citare i piu’ recenti) ha necessitato una nuova gara visto il notevole incremento rispetto alle quantita’ dell’anno precedente; i tempi delle gare purtroppo sono burocraticamente abbastanza fissi; comunque avendo appalto biennale perlomeno il prossimo anno non avremo nuovamente il problema e ci si adoperera’ per non essere scoperti alla fine della validita’ di questo nuovo appalto.

Un genitore chiede anche perche’ a Meldola i pasti vengano serviti solo ad ottobre lasciando scoperte le prime due settimane di settembre e se questo dipendesse dalla mensa; Milillo conferma che la mensa non ha problemi di sorta, Romeo Giunchi spiega che l’argomento e’ stato posto anche in Consiglio d’Istituto e che il Direttore Didattico si e’ incaricato di attivare l’Amministrazione Comunale in modo che il prossimo anno sia risolto questo iniziale ritardo perlomeno per le famiglie che necessitano di questo servizio e che seguira’ personalmente informando qualora serva qualche forma di “sensibilizzazione”ť dal basso (tipo raccolta firme).
Un genitore di Bertinoro spiega che le insegnanti hanno avanzato la richiesta di poter disgiungere la pasta con il pesto con il tortino con le verdure perche’ l’abbinamento non e’ dei piu’ felici. L’insegnante Bianca Rosa spiega che invece questo abbinamento a Meldola (perlomeno nella sua classe) risulta abbastanza gradito anche se non nega le difficolta’ a farlo piacere ai bambini inizialmente; comunque Milillo si riserva di valutare separatamente il problema Bertinorese.
Un genitore fa presente che e’ importante che i bambini mangino e si sazino pertanto chiede possibili varianti nel pasto. Milillo spiega che dobbiamo cercare di collaborare tutti per cercare di fare opera di consapevolezza e coinvolgere il piu’ possibile gli insegnanti affinche’ i nostri figli possano crescere con una giusta e sana educazione alimentare.
La Materna di S.Maria Nuova chiede la pizza e Milillo spiega che si potra’ sicuramente fornirla come merenda.
In un breve intervento anche Romeo Giunchi spiega quanto sia fondamentale l’intervento dei genitori e caldeggia che i nuovi componenti oltre ad andare ad assaggiare in mensa vadano anche nei locali mensa per vedere come vengono preparate le pietanze ed appurare come tutto funzioni; inoltre e’ fondamentale condividere questo progetto con gli altri genitori e soprattutto con gli insegnanti perche’ tutti capiscano la portata del rendere locali gli approvvigionamenti andando cosi’ oltre il solo concetto di biologico, riducendo i chilometri percorsi si riduce l’inquinamento, si riutilizzano le cassette vuote andando a ridurre i rifiuti, si riattiva l’economia locale degli agricoltori che sono sempre piu’ martoriati e bersagliati di accuse sugli aumenti dei prezzi su cui incidono preponderatamente i ricarichi che poi il resto della catena distributiva mette sui loro prodotti. Illustra che e’ giusto preoccuparsi del pesce e della carne ma che comunque la loro limitata presenza nel menu’ potrebbe magari invogliare l’impegno su alimenti piu’ consumati (pane, pasta, latticini ed altri) magari piu’ facilmente reperibili nel nostro territorio.
Un genitore spiega che gli insegnanti dei suoi figli a Bertinoro si interessano attivamente e cercano di stimolare i genitori e questo tutti auspichiamo succeda sempre piu’.
Infine viene riportato che sia alcuni precedenti verbali del Comitato mensa che quello attuale potra’ essere consultato sul blog www.meldolesi.net ed in tale blog sono possibili anche interazioni per facilitare la comunicazione esi invita ad estendere l’informativa.

Alle 20:45 si concludono i lavori ed i genitori Bertinoresi passano alla visita guidata della cucina centralizzata di Meldola per soddisfare le legittime curiosita’.

Il verbalizzante – Romeo Giunchi

Questo articolo è stato pubblicato il giovedì, novembre 1st, 2007 alle 12:14 pm ed inserito in Comitato Mensa. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie