Meldolesi.net

Analisi dell’acqua bevuta dai nostri Amministratori … e riflessioni

10th ottobre 2007

Analisi dell’acqua bevuta dai nostri Amministratori … e riflessioni

All’ultimo Consiglio Comunale:

27 Bottiglie da 1/2 litro

Come avevo promesso mi sono fatto dare da un Consigliere una bottiglietta vuota e dall’etichetta ho tratto le seguenti informazioni:

Acqua minerale naturale oligominerale a marchio Conad, imbottigliata a Nocera Umbra (PG) che pertanto almeno nella fase finale ha compiuto quantomeno 213 chilometri prima di arrivare sulla tavola del Consiglio (Fonte Via Michelin, ipotizzando percorso diretto).

Diciamo che gia’questo viaggio a meno non sia stato eseguito con mezzi elettrici (a energia solare) o a dorso di mulo ha un buon impatto ambientale senza considerare dove e’ stata creata la bottiglia (che purtroppo non sono in grado di capire direttamente ma che essendo di plastica sicuramente deriva dal petrolio). Sapendo bene che il petrolio necessario e’ frutto di diverse guerre (pardo’n, “missioni di pace”) onestamente mi fa sorridere pensare al mio Comune come un “Comune che promuove la pace” partecipando alla marcia della Pace ad Assisi, ed anche qui altro pullman ed altro gasolio proveniente dalle medesime o da nuove “missioni di pace” con magari tante bottigliette in plastica di acqua per ristorarsi lungo il tragitto e lungo la camminata!!!

Tornando comunque alla nostra cara acqua oligominerale imbottigliata la cui ultima analisi riportata in etichetta e’ del 06/11/2006 ed e’ stata fatta dall’Universita’ degli Studi di Perugia ed ha queste peculiarita’:

Conducibilita’ elettrica specifica a 20°C (microS/cm): 327
Temperatura acqua alla sorgente (°C): 11,4
Ph a 20 °C: 7,5
Residuo fisso a 180°C (mg/l): 201
Anidride carbonica libera (mg/l): 12,6

Composizione espressa in ioni (mg/l)

  • Calcio: 73,6
  • Sodio: 3,2
  • Magnesio: 1,0
  • Potassio: 0,6
  • Bicarbonati: 228
  • Cloruri: 6,0
  • Nitrati: 2,7
  • Solfati: 2,1
  • Silice: 8,3

Continuando nella lettura dell’etichetta mi spiego perche’ tanti Consiglieri al momento della votazione devono uscire dalla sala, l’etichetta spiega che puo’ avere effetti diuretici … e notoriamente alla vescica non si comanda…

Un plauso comunque alla consigliera Zucchi Monica che invece porta sempre la sua bottiglietta e mi ha confidato di riempirla al rubinetto continuamente. Infatti con l’acqua del Sindaco (cosi’ viene chiamata quella del rubinetto) raramente la Dott.ssa Zucchi si deve alzare per andare in bagno piu’ volte in una serata.

Vale comunque sempre l’invito “Adotta un Consigliere” ma non vorrei farlo tutto da solo  basta anche solo un altro che porti la sua caraffa; poi la fontanella pubblica e’ proprio sotto l’aula del consiglio …. imbrocchiamola!!!

Questo fino a quando si riuscira’ a evolvere arrivando finalmente a dotarsi di un buon filtro, posso permettermi di suggerire quello che sto proprio acquistando anche io dopo 10 anni di Osmosi Inversa… prossimamente magari mi addentro nelle analisi dell’acqua sopra riportata confrontandola con quella del Sindaco.

Saluti radiosi

Questo articolo è stato pubblicato il mercoledì, ottobre 10th, 2007 alle 9:00 am ed inserito in Alimentazione giusta, Risparmio energetico, Salute, Virtuosismi possibili. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Attualmente ci sono 5 commenti:

  1. 1 On ottobre 10th, 2007, Alessandro Ronchi said:

    I filtri che citi finiscono in discarica? Non sarebbe meglio un sistema che non produce rifiuti?

    è una domanda, non una provocazione 🙂

  2. 2 On ottobre 10th, 2007, Paolo said:

    Non sarebbe carino inserire anche la comparazione con l’acqua che uscirebbe dal rubinetto comunale? Tanto per aver un raffronto…. Romeo perchè non promuovi la compagnia “Consigliere ebro di Guaranito”??

  3. 3 On ottobre 11th, 2007, anam67 said:

    scusami, ma l’acqua di ridracoli non è piu’ buona visto che affermi di usare l’osmosi inversa e prox dei filtri?
    mi piacerebbe davvero saperne di piu’
    grazieeee
    salut!!!

  4. 4 On ottobre 12th, 2007, paolaz said:

    Ciao! sono Paola Zucchi (non Monica). Ti ringrazio per il plauso e mi permetto di suggerire una cosa: visto che si consumano tante bottigliette di plastica da 1/2 litro sarebbe utile che le stesse finissero nella raccolta differenziata. Ora, io non so se chi si occupa delle pulizie abbia questa accortezza, nel dubbio mi permetto di segnalarlo.Ciao e grazie per l’estrema attenzione e presenza ai Consigli Comunali

  5. 5 On ottobre 13th, 2007, Romeo said:

    Innanzitutto mi scuso con Paola, purtroppo il parkinson avanza ed inizio a sbagliare i nomi…

    Ad Alessandro dico che ancora non ho trovato un sistema che non produca filtri riutilizzabili … magari se qualcuno ne è a conoscenza è pregato di farmelo sapere. Comunque sono due filtri del peso complessivo di circa 3 kg all’anno … ma convengo che se fosse possibile fare diversamente sarebbe meglio.

    Per le comparazioni con l’acqua del rubinetto mi attivero’, ci vuole tempo e impegno ma lo faro’ anche perchè è un dovere civico partire da qualche parte per cambiare le cose e penso che anche le bottigliette da mezzo litro siano un buon punto di partenza!!!

    L’acqua di Ridracoli è sicuramente squisita cara Anam ma resta pur sempre quel sapore di cloro che è un po’ fastidioso; si potrebbe rimuoverlo anche lasciando l’acqua un po in frigorifero o un po’ in caraffa ma oramai abbiamo fatto l’abitudine ad un certo tipo di acqua; inoltre alcuni tipi di veleni che comunque la legge prevede in dosi contenute vengono in buona parte trattenuti … e mi spiacerebbe un tumore a norma di legge 🙂

    Perchà l’osmosi inversa che abbiamo da oltre 10 anni: per i figli piccoli, non abbiamo mai comprato acqua imbottigliata a meno di momenti particolari fuori casa.

    Saluti radiosi

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie