Meldolesi.net

Sempre a proposito di IRST

26th settembre 2007

Sempre a proposito di IRST

inserito in Incenerimento, IRST Meldola |

Purtroppo io non c’ero perche’ gia’ me ne ero andato ma in compenso qualche amico era rimasto a salutare Presidente del Consiglio e Ministro … consiglio il filmatino … pensate a chi a’e’la presentatrice di Sky … chi indovina … vince un viaggetto in bicicletta 🙂

Ecco di seguito il comunicato stampa inviato ai giornali dal Clan-destino, dal MIZ e dal Meetup di Beppe Grillo di Forli’ … grandi ragazzi … perfino un regalo gli avete fatto … quella maglia la pago io moooolto volentieri visto che per piu’ di un’ora sono stato a sentirla dalla strada!!!

Il giorno sabato 22 settembre 2007, in coincidenza con la giornata nazionale contro la truffa dei sussidi all’incenerimento dei rifiuti promossa dalla Rete Nazionale Rifiuti Zero, un gruppo di rappresentanti dell’Associazione Clan-Destino, del Meet-up Amici di Beppe Grillo di Forli’-Cesena, e del Movimento Impatto Zero (M.I.Z.) di Cesena ha avuto la possibilita’ di consegnare al Ministro Livia Turco alcuni documenti contenenti la richiesta legittima dei cittadini di cercare di effettuare la vera e propria prevenzione primaria, cercando di eliminare le cause che portano alle malattie.
Ormai grazie ai progressi della medicina la vita media si e’ allungata, si guarisce di piu’ dal cancro, ma ci si ammala di piu’ e questo non e’ assolutamente una cosa positiva; e’ indispensabile cercare di ridurre per quanto possibile l’insorgenza della malattia, soprattutto quando e’ oramai noto che l’inquinamento da industrie altamente pericolose e’ in larghissima parte evitabile) poiche’ questi impianti non sono indispensabili, mentre sono sostituibili con altre tecnologie, vantaggiose dal punto di vista economico e che rispettano l’ambiente e la salute.
Il meccanismo perverso che porta alla costruzione di questi impianti (inceneritori di rifiuti e quelli di biomasse, che poi non sono altro che inceneritori che possono anche bruciare rifuti), grazie ad una normativa del 2006 che equipara i rifiuti alla biomassa e’ costituito da un sistema di finanziamenti pubblici e di sovvenzioni che rendono redditizia un’attivita’ altrimenti fallimentare. L'”affare” sta nello sfruttare le quote versate nella bolletta elettrica che ognuno di noi paga in eccesso e che sarebbero destinate alle vere fonti rinnovabili.
Per bloccare questa corsa “al fuoco” sarebbe sufficiente togliere gli incentivi.
La finanziaria 2007 ha cancellato i sussidi statali all’incenerimento (piu’ di 34 miliardi di euro regalati a petrolieri e a gestori dell’inceneritori dal 1991) per i nuovi inceneritori ma li mantiene per quelli esistenti. Inoltre con un “colpo di mano”, cambiando la scrittura del testo originario mantiene bene aperta la possibilita’ che nuovi inceneritori non ancora operativi e nemmeno realizzati possano godere di questi soldi pubblici derivanti dal pagamento della bolletta elettrica da parte di tutti i cittadini. Ogni tentativo di ripristinare in Parlamento la scrittura originaria che vietasse almeno questi sussidi a tali impianti e’ naufragato per una iniziativa trasversale che unisce sullo stesso fronte in una coalizione governo ed opposizione.
Lascia perplessi lo scoprire che per l’autorizzazione alla costruzione di un simile Istituto fosse necessario un bacino ” d’utenza “di 5 milioni di persone. Siccome l’IRST ne ha solo un milione, ci chiediamo come mai sia stato possibile una cosa del genere.
Forse perche’ da noi ci sono moltissime persone malate di tumore e si conta di farne ancora un bel po’ ??? Magari triplicando la capacita’ di incenerimento dell’inceneritore di Hera e raddoppiando quello di Mengozzi (in barba al Piano di Gestione della Qualita’ dell’Aria).
Sarebbe inammissibile trasformare in business la malattia e il dolore delle famiglie, senza contare che soprattutto la cronicizzazione della malattia incide in maniera considerevole sulla spesa pubblica.

Il Ministro dopo aver ascoltato il nostro discorso si e’ detta d’accordo con quanto da noi evidenziato, quindi non ci resta che sperare che non siano state parole vane. Al termine le e’ stata regalata un maglietta del V-Day.

Saluti radiosi

Questo articolo è stato pubblicato il mercoledì, settembre 26th, 2007 alle 7:00 am ed inserito in Incenerimento, IRST Meldola. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie