Meldolesi.net

Altre poesie del nostro amico Arnaldo

8th settembre 2007

Altre poesie del nostro amico Arnaldo

Per fare ordine nelle discussioni accorpo tutte di seguito alcune bellissime poesie che Arnaldo Cuccu ci ha dedicato ma che erano andate disperse in varie discussioni….

Spero che Arnaldo riuscira’ ad individuare la disussione apposita e commentare li’ i propri componimenti.

Saluti radiosi

Amici ed amiche carissime, buona serata a tutti.

Sono il meldolese settantaduenne residente in Sardegna, a Cagliari. Tempo fa, molti anni prima d’oggi, trasmettevo presso una emittente proprio sulla parte piu’ alta di questa citta’ nella quale risiedo. Mi avevano domandato alcuni amici che cosa avrei potuto scrivere durante il periodo dedicato alla composizione delle mie poesie se una
ragazza si fosse offesa per una parola detta da loro ad una amica. Se, questa loro amica, si fosse offesa come avrebbero potuto essere perdonati. Ci tenevano veramente tanto e non avrebbero voluto perdere la sua amicizia. Ho riflettuto e questo e’ il frutto del mio pensiero:

AD UN’AMICA

Anche le parole
hanno il loro peso.
Possono condurci
in luoghi paradisiaci

o in profondi baratri
dai quali nessuno,
mai, ci potrebbe trarre
fuori, se non noi stessi,

ma solamente se lo vogliamo.
Balbettii, frasi mozze.
Contrazioni, spasimi. Sono
attimi terribili, e’ vero,

quelli che avvengono.
Per un’azione compiuta
e non voluta. E tutto
ci fa temere se non si ha

la prontezza di spirito
per riscoprire un mondo
interiore. Unicamente
nostro. E di nessun altro.

Mi dispiace per quanto
e’ avvenuto. T’assicuro che,
se avrai la bonta’ d’ascoltarmi
saprai perdonarmi. Mai avrei

voluto offenderti. Questo lo sai.
Forse vi e’ stato un malinteso.
Suvvia, la pace e’ la cosa
piu’ importante. Tra tutte

quelle esistenti nella vita
d’ognuno. Si, e’ meraviglioso
sapere che tu sola sei la donna
che, amica, non potro’ dimenticare.

Sei bella, intelligente,
attiva. Sei la forza
che mi guida. Ed anch’io
se me lo permetterai,

t’aiutero’ a far si’ che
ogni nostra azione ci dia
gioia. E’ mia viva
intenzione esserti accanto.

Per potere ascoltare
solamente il battito
del cuore. E fare in modo
che tra noi vi sia l’amicizia

piu’ profonda. Fare in modo che
l’onda non ci travolga. Poiche’
cio’ che viviamo interiormente
e’ un mare d’emozioni vere.

DONNE SIETE DELLA VITA LA POESIA

Donne siete della vita la poesia
visiva e nascosta siete la domanda
e la risposta d’una gioia intensa
siete il sole che ilumina la terra
nela quale abitiamo la luna le stelle
i colori dell’arcobaleno siete della
nostra esistenza le dolci amiche,
consigliere. Siete coloro che
posseggono l’incommensurabile tesoro
della vostra presenza. Siete l’essenza
il profumo della vita, il pentagramma
sul quale si pongono le note
il paesaggio sognato visitato
amato da sempre. Io, sognatore
e poeta, cammino al vostro fianco
e non sono, mai, stanco d’ascoltare
cio’ che dite. Donne ferite con una sola
parola. Ferite dalla malvagita’ d’alcuni
uomini in determinati paesi lontani
dalla cultura. Siete coloro che
racchiudono nel grembo il pargolo.
Siete strumenti che, donando armonia
e ritmo, incanto al naufrago,nelle notti
ancestrali, gli donate ali perche’ si
sollevino dalle umane cose raggiungano
cosi’, l’infinito e l’eternita’. Senza di
voi ci sarebbe solamente la nullita’.
Che cosa mai sarebbe il creato
senza voi? Di certo non sarebbe
concepibile. Poiche’ e’ tramite voi
che si ha la contuazione. Tramite
il vostro aiuto voluto da Dio creatore.

Ciao amici ed amiche carissime

vorrei quest’oggi
dialogar con voi
ancora un poco
mi piacera’ sapere
se quanto vado scrivendo,
su questo sito, sia di
vostro gradimento. Io,
quand’ero fanciullo
mi soffermavo a guardare
i campi ove il frumento
biondeggiava e s’inchinava
come per salutare i fiori
ch’erano li’ felici
di farsi compagnia. Poi,
la sera, se ne coglievo
una, domandavo come
si chiamasse. Si parlava
di lotte e di patriottismo
ma vi assicuro ch’era
ben duro il muro che
si ergeva. Si doveva
rimanere in silenzio.
Sui muri i manifesti
riportavano immagini
che facevano presagire
la tragedia che
si stava svolgendo.
Oggi, in tempo di pace,
gli aerei sorvolando
i cieli recano le persone
a visitare paesi e citta’,
anche le piu’ lontane.
Se vi sono degli avvenimenti
sono per ricordare che la
vita e’ preziosa e la rosa,
sebbene abbia le spine,
e’ preziosa per ogni uomo
di qualunque colore abbia
la pelle.

DEDICO A VOI, AMICI MELDOLESI, QUESTA MIA POESIA

Mi piacerebbe sapere
quanto tempo rimarremo
insieme onde poter
leggere speditamente
poesie d’amore dedicate
a Meldola ch’io amo
ed e’ presente ognora
nella mia mente.
Poesie d’amore colme
di passione vera che
non ha confini.
Mi piace dialogare
con voi tutti. genitori
e bambini. Riscrivere
quelle frasi dettate
a noi dal cuore
ed inviate nel sito
tra tanti amici felici.
Una sera calma, una notte
prima che ci si addormenti
nel proprio letto, dopo cena.
Poi, quando ci si desta,
nell’alba prodiga di doni
tutti nostri, implorando
il perdono per qualche
marachella, fatta
involontariamente,
non per offendere
la sensibilita’ d’ognun di noi.
Sensibilita’ avuta e dagli eventi
accresciuta, dietro lo sguardo
perduto dietro i vetri appannati
ove scrivevo a caratteri maiuscoli
il tuo nome, Meldola cara, colmo
di desiderio di rivederti ancora,
colgo l’incantesimo della terra di
Romagna. Nascondendo il volto.
Perche’ non si possa leggere negli
occhi quante lacrime versai
il giorno della mia partenza.
O colmi di di speranze
di potervi tornare ad abbracciare
parte della mia esistenza
ch’io vi lasciai. Enumerarle
e’ impossibile. I baci, le carezze,
i sospiri nel vento ricevuti e dati.
Nonostante gli anni sono un fanciullo
anch’io e mi commuovo immantinente.
Se voi siete in Romagna, a Meldola
ed io in quest’isola: Sardegna.

Questo articolo è stato pubblicato il sabato, settembre 8th, 2007 alle 6:14 pm ed inserito in Meldolesi all’Estero o fuori Regione, Poesie. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Attualmente ci sono 62 commenti:

  1. 1 On dicembre 20th, 2013, Arnaldo said:

    Abbiamo
    dialogato
    serenamente
    e a tutti
    coloro
    che hanno potuto leggere
    i miei versi, le poesie
    nate nel tempo
    oggi desidero che giunga
    gradito il mio saluto
    ed il più vivo, cordiale
    ringraziamento.
    In attesa del Santo Natale
    e dell’anno nuovo, rinnovo
    l’augurio più sincero
    d’ogni bene. Speranzoso.
    Siate felici sempre.

  2. 2 On aprile 25th, 2014, Bar said:

    Signor Arnoldo, stato un vero piacere incontrarla al bar stasera… un carissimo saluto, Matteo

  3. 3 On aprile 25th, 2014, Bar said:

    Signor Arnoldo, è stato un vero piacere incontrarla al bar stasera e fare due chiacchere… un carissimo saluto, Matteo

  4. 4 On aprile 26th, 2014, Arnaldo said:

    E’ con vero piacere aver potuto dialogare con voi tutti seduti al tavolino posto all’aperto del bar qui nella città capoluogo della nostra Sardegna degna d’essere visitata in ogni parte dell’anno. Non sò se il desiderio di poterci nuovamente incontrare si potrà avverare. Per far cosa gradita vorrei inviarvi il testo d’una mia poesia. Poche ore prima ho notato alcuni africani. Precedentemente avevo letto alcune pagine d’un libro contenente poesie composte dal primo presidente del Senegal. Mi sono piaciute. Ed ho pensato così di crearne anch’io. Ed ora qui la trascrivo. Ul titolo volete sapere quale sia? Eccolo qui, semplicemente.

    BELLEZZA AFRICANA.

    Amo tutto ciò che la vita mi dona
    a piene mani, quotidianamente. Ed
    ogni giorno mi sorprendo e non poco
    nell’immaginarti Africa multiforme.
    I tuoi molti strumenti a percussione
    li ascolto attentamente ed in modo sereno.
    Pggi ancor piùche ci si ritrova tutti
    insieme nel giorno che ricorda la festa

    nazionale. Immagino il Griotche canta
    facendo sì che si uniscano altre voci.
    Voci che si espandono nell’aria e
    salgono al di sopra delle splendenti stelle.
    Ed inizia la danza dei corpi color ebano.
    Danze ancestralie mai dimenticate.
    Persino i loro padri le danzarono al ritmo
    del balafon, del djembe, del Kora e del sabar.

    Corpi agili, scattanti sono quelli delle
    belle fanciulle sorridenti,forti e fiere.
    Dimenticando la fatica del viver quotidiano.
    Il viagio si è compiuto. E finalmente siete
    giunte in Europa e negli altri continenti.
    Vi ho visto qui a Cagliari accanto al mare.
    Con i vostri borsoni pesanti e ricchi
    di mercanzia. Alla ricerca d’un poco di fortuna.

  5. 5 On aprile 26th, 2014, Arnaldo said:

    Un cordialissimo saluto a te Matteo ed ai tuoi amici ed amiche che in un batter di ciglia, prontamente, son divenuti anche miei.E porgo, quindi, un augurio vivissimo d’ogni bene.

  6. 6 On aprile 27th, 2014, Arnaldo said:

    Buona giornata a te Matteo. Non sò se hai potuto leggere le mie poesie poste sul video del computer. Il mio nome è Arnaldo. Mi potresti scrivere un tuo commento?

  7. 7 On giugno 4th, 2014, Giulia said:

    Ho avuto il piacere di conoscere il poeta nostrano Arnaldo mentre aspettavo la mia insegnante di scuola guida. È stato un incontro inaspettato ma piacevolissimo, mi ha fatto cercare le sue poesie con il cellulare e me ne ha voluta recitare una. Bellissima! Molte persone magari non lo fanno nemmeno parlare pensando che possa essere un pazzo, invece eun Signore d’altri tempi! Intelligente, colto ma doprattutto non invadente, rispettoso ma, più di tutto, è un poeta, questa è la sua identità! Sono contenta di averlo conosciuto e spero di incontrarlo qualche altra volta per farmi recitare qualche altra delle sue poesie! Bravo Arnaldo! Continua a coltivare la tua passione!

  8. 8 On giugno 5th, 2014, Arnaldo said:

    Un’altra delle poesie da me composte
    ha per titolo:

    SEI TU LA MUSICA CHE HO NEL CUORE

    Amo la tua presenza in ogni attimo
    della mia giornata. L’amo profondamente
    poichè, senza di lei, vivere non saprei.
    Bella più d’ogni altra creatura,

    la natura l’incoronò regina. E’ l’emozione
    da me provata sin dal primo istante
    a farmi compagnia lungo le strade e le piazze
    della città ove risiedo. Mi è stata donata

    dal Dio dei viventi dall’Onnipotente. Ed è a Lui
    ch’io canto le mie lodi. Le canto ne ore
    che si susseguono armoniose. Non vi sono parole
    per poterla descrivere. Sufficienti a dirsi.

    vi è in lei grazia e bellezza non solamente esteriore.
    E’ davvero straordinario ammirare i suoi splendidi occhi.
    Leggere i suoi pensieri, leggeri
    quali piume d’un uccello in volo.

  9. 9 On gennaio 23rd, 2015, Emanuela Malloci said:

    Carissimo Arnaldo,
    in questo momento si stanno svolgendo i tuoi funerali.
    Mi dispiace non essere potuta andare, sei trai miei pensieri, stringo i tuoi cari con affetto per la tua inaspettata e sofferta perdita.
    Un immenso grazie, per tutto quello che hai fatto per noi, per le meravigliose poesie che ci hai lasciato in eredità, per gli insegnamenti, per la tua incomparabile dolcezza e amorevolezza con cui ti rivolgevi a noi, per le tue indimenticabili presenze a lezione!
    Grazie di cuore, sono contenta di aver conosciuto una persona eccezionale e speciale come te. Ti ricorderemo col sorriso, ci rivedremo in un altro mondo nell’aldilà.

    Questi versi li ho composti per te:

    Il viso rigato,
    le gote zuppe
    di salsedine
    s’increspano.

    Nell’attimo scivola
    lentamente
    dolcemente
    penetra nell’anima
    al cuore
    questo sentimento
    che si chiama
    amore.

    Ciao grande e piccolo Arnaldo!!

  10. 10 On gennaio 24th, 2015, Romeo said:

    Messaggio ricevuto il 23 gennaio da Miriam, nipote di Arnaldo:

    Buongiorno a tutti vi scrivo per comunicarvi che ieri mattina ha cessato di battere il cuore grande e buono di Arnaldo Cuccu….lui era semplicemente mio zio, fratello di mia mamma….aveva un dono, la poesia….lui amava comunicare le sue emozioni e i suoi sogni attraverso la parola…So quanto era legato a Meldola dove era nato …..e quanto ha amato quella terra!Vi abbraccio come lui stesso avrebbe voluto fare e vi ringrazio per i momenti di gioia che gli avete regalato seppure a distanza!
    Miriam

  11. 11 On gennaio 24th, 2015, Purtroppo una brutta notizia … il nostro Arnaldo non ci allieterà più con le sue poesie! | Meldolesi.net said:

    […] conosciuto grazie ad internet nel 2007 ; da questa iniziale conoscenza  ci ha deliziato di tante poesie veramente meravigliose  in alcune delle quali si percepiva pienamente, per me, l’amore e l’idealizzazione […]

  12. 12 On gennaio 29th, 2015, Sara said:

    Apprendo con grande dispiacere e commozione la notizia della morte del sig. Arnaldo Cuccu.
    Ci allietava con le sue poesie ed era veramente un piacere ascoltarlo.
    Lo ricorderò come una persona gentile e cordiale capace di regalare emozioni attravero il dono della poesia.

    Vorrei tanto poter rileggere la sua poesia “Le parole”… qualcuno mi può aiutare?

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie