Meldolesi.net

Il Frantoio di Ca’ Baccagli e la ricostruzione del ponte, aggiornamenti

30th luglio 2007

Il Frantoio di Ca’ Baccagli e la ricostruzione del ponte, aggiornamenti

Ricevo e volentieri pubblico un buon resoconto dello stato di fatto sull’argomento in oggetto.

Il 28 corrente mese il Comitato di garanzia per il contenimento dei disagi dei cittadini della frazione di Castelnuovo (Meldola) si e’ incontrato, in Comune, con il signor Venturi Sindaco di Meldola e l’Assessore Rossi per le seguenti due ragioni:

1) la ricostruzione del ponte di Ca’ Baccagli

2) il pericolo per il traffico pesante generato dall’ampliamento del sistema di frantumazione proprieta’ di Romagna cave

1) Ponte
l’Assessore Rossi si e’ scusato pubblicamente con il Comitato riguardo al fatto che i cittadini non sono stati avvisati dell’abbattimento del vecchio ponte di Ca’ Baccagli.
Il Comitato prende atto e ringrazia sinceramente e cordialmente l’assessore per il suo gesto.

  • Il Sindaco comunica che il ponte nuovo, se non ci saranno imprevisti, sara’ reso transitabile verso fine ottobre 2007 e quindi si rende vana la possibilita’ di pensare a vie alternative (un passaggio sul fiume di fianco al cantiere o ripristino della via fluviale che costeggia l’antico mulino) che richiederebbero tempi tecnici superiori alla costruzione del ponte nuovo.
  • Se la ditta non finira’ il ponte nei 180 giorni contrattuali, sempre per contratto dovra’ pagare una penale giornaliera dello 0.5 per 1000 dell’importo.


2) Traffico
Per quanto riguarda la viabilita’ e la messa in sicurezza del tratto stradale purtroppo le idee non sono ancora chiare.

  • A giorni verra’ tolto il semaforo e ripristinato il doppio senso in quanto il signor Tedaldi ha dato il via per allargare la strada. In questo caso non verranno rispettati i 30 metri minimi di distanza dalle case, su un tratto comunque dichiarato dal Comune stesso come pericolante.
  • Il Comitato chiede che l’uscita dalla cava dei camion sia spostata dall’altro lato del convento ossia dalla parte che da verso Meldola dove la cava stessa ha gia’ iniziato e poi bloccato i lavori di costruzione della via e dove non ci sono civili abitazioni limitrofe.

Sulla strada ad oggi transitata, c’e’ gia’ stato un incidente a causa del traffico pesante, parliamo di una stradina larga ad un certo punto tre metri, senza guard rail, con scarsa visibilita’, dove la gente va a fare jogging e dove transitano decine di camion a rimorchio.
Sulla strada di transito vivono famiglie con bambini.

  • si spera di avere un’idea piu’ chiara della situazione probabilmente per fine agosto, si e’ parlato di una possibile rotonda nel vigneto tra la casa dei signori Stagnani, Strada ed il podere dei lavoratori, ma sinceramente la situazione e’ ancora nebulosa.
  • il progetto e la soluzione definitiva verra’ discussa con il Comitato stesso.
  • Concomitanti con il progetto definitivo per la messa in sicurezza della viabilita’ della Strada San Colombano Castelnuovo, che per un decreto comunale di circa 10 anni fa e’ l’unica nella zona che puo’ essere transitata dai camion, verra’ sistemato anche l’imbocco sulla provinciale Bidentina.

Sono graditi commenti anche da chi, pur non abtando sul posto, ha qualcosa da dire. Come sempre sia in positivo che in negativo … il blog serve al confronto

Saluti radiosi

Questo articolo è stato pubblicato il lunedì, luglio 30th, 2007 alle 8:09 pm ed inserito in Riflessioni, Territorio Meldolese. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie