Meldolesi.net

Le merendine nelle Scuole

6th maggio 2007

Le merendine nelle Scuole

Apprendo che anche Federalimentare assieme ad AIDI ha preso precisi impegni per non installare nelle scuole elementari e medie i distributori di merendine iper-caloriche e di bevande analcoliche (vedi proprio quella che abbiamo alle Scuole Medie di Meldola).

Eravamo rientrati anche come scuola media nel progetto frutta snak (qui’ una sintetica recensione) e avevamo un distributore di frutta fresca che pero’ e’ stato rimosso recentemente evidentemente per lo scarso utilizzo. A questo punto ho intenzione personalmente di muovermi per farlo tornare rimuovendo magari quello delle famose merendine ipercaloriche; prossimo passo sara’ quindi esporre questa intenzione al direttore didattico, al Consiglio d’Istituto, al Comitato mensa ma quello che piu’ servira’ sara’ l’educazione ai ragazzini per fargli capire il perche’ di queste scelte sicuramente impopolari tra di loro ma indispensabili per una corretta educazione al gusto.

Volontari che perseguano questo fine?
Volontari per informare i ragazzi?
Disponibili a perorare la causa?

Dai, forza … non siamo timidi … anche chi ha i figli alla materna prima o poi arrivera’ alle scuole medie quindi …. non attendiamo di aver il problema (ad esempio obesita’ infantile oppure anoressia o bulimia) per provare ad affrontarlo!!!

Qui’ un interessante comunicato stampa proprio sul progetto frutta snak che spiega per filo e per segno in cosa consiste

Saluti radiosi

Questo articolo è stato pubblicato il domenica, maggio 6th, 2007 alle 12:55 pm ed inserito in Alimentazione giusta, Comitato Mensa, Famiglie & bambini. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Attualmente ci sono 3 commenti:

  1. 1 On maggio 6th, 2007, Corinna said:

    Credo fermamente nell’importanza dell’educazione e quella alimentare noi italiani ce l’abbiamo un po’ nel sangue!
    Viaggiando e conoscendo stranieri e vivendo in Paesi diversi dall’Italia ce ne si puo’ accorgere facilmente.
    Mia madre mi ha cresciuta con un attenzione particolare verso il cibo e per questo la ringrazio. Per me molte cose sono ovvie ma mi accorgo che non è cosଠper la gente che mi sta attorno. E il mio dottore (di Meldola) mi ha insegnato che ogni volta che si ha un disturbo fisico, bisogna dare un’occhiatina all’alimentazione e partire da lଠper la cura.
    Purtroppo mi è momentaneamente difficile collaborare con questo progetto perchè non mi trovo lontana da Meldola ma ne sono una sostenitrice. Genitori, per cortesia date importanza all’alimentazione dei vostri pargoli, una volta che gli insegnate le cose giuste poi loro cresceranno con quelle e saranno persone autonome e coscienti delle loro azioni nella società del domani!
    L’EDUCAZIONE FUNZIONA!

  2. 2 On maggio 7th, 2007, Elena Zaccheroni said:

    Su di me puoi contare. E credo anche su molte altre mamme e papà .
    Dimmi in che modo possiamo collaborare a questa campagna d’informazione utile e soprattutto molto molto “salutare”.

  3. 3 On maggio 14th, 2007, Romeo said:

    Adesso stiamo a vedere cosa riusciamo a muovere in Consiglio d’Istituto poi decideremo il da farsi.

    Corinna … hai un dottore veramente speciale a Meldola … tientelo stretto!!!

    Consiglio la lettura di questo bel progetto http://www.greenplanet.net/content/view/19124/1/ … magari da bravi potremmo poi anche copiarlo anche se già diverse iniziative del genere la nostra Milillo le ha già portate avanti …

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie