Meldolesi.net

Libri = cultura

1st maggio 2007

Libri = cultura

Proprio oggi ho caricato due nuovi libri in Babelteka.

E’ una specie di biblioteca pubblica in cui ognuno riporta i suoi libri e chiede ad altri in prestito altri libri per poi renderglieli una volta letti. E’ addirittura nazionale ma io onestamente preferisco dare una dimensione locale ai testi prestati e consegnarli a mano in modo da essere certo che poi ritornino e, soprattutto, che non si debbano far viaggiare per tutta Italia dei pacchi.

Sono piuttosto geloso dei libri ma non al punto di tenerli solo per me perche’ la cultura va diffusa il piu’ possibile; soprattutto quando e’ a discapito della televisione spazzatura di questo ultimo periodo.

Cari lettori, andatevi a visitare il sito …. io sono “rombar” ma ci sono tante altre persone che hanno caricato i loro testi … magari fatelo anche voi!!!

P.s. Buona festa del lavoro a tutti!!!

Saluti radiosi

Questo articolo è stato pubblicato il martedì, maggio 1st, 2007 alle 2:27 pm ed inserito in Eventi culturali, Famiglie & bambini. Puoi tenerti aggiornato sui commenti attraverso il feed RSS 2.0. Puoi scrivere commenti, o fare trackback dal tuo sito.

Attualmente ci sono 6 commenti:

  1. 1 On maggio 2nd, 2007, Corinna said:

    I libri… i libri sono qualcosa di unico! Chi li scrive ci mette impegno e passione, ci mette un po’ di sè… almeno quelli fatti come devo essere scritti, i libri veri intendo!
    Io in genere, se posso scegliere, preferisco avere libri miei poichè quando leggo ho bisogno (perchè mi viene proprio spontaneo) sottolineare, in genere con la matita e con diversi colori a seconda dell’importanza della frase o del concetto e poi, scrivo commenti di ogni genere: commenti positivi o negativi, se la frase in questione mi richiama a qualcos’altro di importante o se mi serve per scrivere papers etc. Insomma ho bisogno di farlo un po’ anche mio quel libro!
    Presto volentieri i miei libri ma purtroppo solo a persone che conosco poichè ne sono un po’ gelosa. Se un amico o un’amica mi chiede un libro mi piace consigliarlo/a e magari prenderci 5 minuti insieme per capire di che libro “ha bisogno” in quel momento, poichè non crediate che leggere lo stesso libro in momenti diversi vi dica e o dia le stesse cose, le stesse emozioni, gli stessi concetti! Se prendiamo ad esempio un libro famosissimo come “Il Piccolo principe” o anche “Il gabbiano Jonathan Livinston” … è beh, questi sono libri che vanno letti da piccoli e poi RILETTI da grandi e se lo potete fare (nel senso se siete ancora abbastanza piccoli da poter aver avere entrambe le opportunità) scoprirete che lo stesso semplice libro vi dice due cose diverse! Volete provare?

  2. 2 On maggio 6th, 2007, romboli.gilberto said:

    Pure io ho difficoltà a prestare i libri.
    I libri che leggo diventano pezzi di me, molto difficile separarsene.
    Trovo molto utile la recensione dei libri, ecco un esempio:
    http://www.blogdegradabile.net/
    Trovo che recensire sia molto piu’ interessante che prestare.
    Che ne pensate?

  3. 3 On maggio 6th, 2007, Corinna said:

    Recensire… mmm… no non ci ho mai pensato e sinceramente non saprei nemmeno da dove cominciare, ma ho la sensazione che sarebbe una cosa interessante! Non ho idea, forse ci sono regole e metodi, ma so che se dovessi farlo lo farei esattamente dopo aver letto il libro, cosà di getto, cercando di mettere nero su bianco cio’ che mi è rimasto del libro e se mi richiama qualche altro romanzo o autore. Poi magari in un secondo tempo darei un’occhiata ad altre critiche o commenti scritti da altri per avere un confronto – credo nei confronti aperti e ragionati piu’ che negli scontri (a meno che non siano inevitabili)!

    Qualche suggerimento per scrivere una recensione?

  4. 4 On maggio 6th, 2007, Romeo said:

    Onestamente io la penso cosà:

    Libro=cultura

    La cultura non puo’ essere privata e per legge dovrebbe essere condivisa (e cosà nascono le biblioteche) e spero che mai e poi mai vengano introdotti balzelli sulle stesse (come tempo fa si era pensato di fare).

    Io quello che so’ lo condivido volentieri e penso che recensire un libro possa servire se, e solo se, uno poi se lo legge … tutti possono acquistarlo??? forse se leggono questo si perchè si permettono un computer ma tanti altri non possono farlo….

    Rispetto chi tiene in modo particolare ai propri libri e non li presta volentieri e ammiro chi libri li mette in circolo (http://www.bookcrossing-italy.com/) e proprio un mio amico mi ha insegnato tanto a quest’ultimo proposito.

    Morale … il mondo è bello perchè è vario e vi ringrazio per questo confronto…

    Saluti radiosi

  5. 5 On maggio 6th, 2007, romboli.gilberto said:

    Caro Romeo,
    devo essere onesto, se tutti prestassimo libri arriveremmo al paradosso che:
    1) nessuno acquisterebbe piu’ libri;
    2) tutti leggeremmo gli stessi libri raggiungendo una sorta di dittatura della conoscenza.

    Comprare libri ci fa distinguere e ci fa differenti.

    Recensire i testi che abbiamo letto è aver fiducia nelle capacità di lettura del prossimo.

    Proporrei a Corinna di rompere il ghiaccio, avanti con una tua recensione.
    Un abbraccio.

  6. 6 On maggio 10th, 2007, Elena said:

    Vi parlo di un’iniziativa che penso possa interessare i nostri ragazzi iscritti all’Università, ma anche tutte le persone che hanno già discusso la propria tesi di laurea.
    Andando su http://www.tesionline.it è possibile registrarsi ed inviare integralmente la propria tesi mettendola a disposizione di tante persone interessate ad approfondire l’argomento.Io ho inviato la mia e ogni tanto vengo contattata da laureandi che hanno scelto argomenti affini a quelli da me trattati.
    Di tanto in tanto vengono anche indetti dei premi. Comunque per tutte le info in merito vi rimando alla consultazione del sito web indicato sopra.

Scrivi un commento

  • Feed RSS


  • Categorie